Vibo Marina, incidente stradale: un morto e due feriti

Vibo Marina, incidente stradale: un morto e due feriti

Sul posto anche la polizia scientifica per i rilievi del caso e cercare di ricostruire la dinamica dell’incidente

Nella serata di ieri, i vigili del fuoco del Comando provinciale di Vibo Valentia sono intervenuti a Vibo Marina via Senatore Parodi, in prossimità del cementificio per un incidente stradale che ha coinvolto due vetture.

Scontro tra due Lancia Y e a seguito dell’urto gli occupanti sono rimasti incastrati all’interno dell’abitacolo.

I vigili del fuoco prontamente intervenuti hanno estratto gli occupanti dall’abitacolo della vettura, due dei quali feriti in gravi condizioni mentre per la terza persona i sanitari hanno constatato il decesso.

Presenti anche gli equipaggi della Squadra Volante della Questura di Vibo Valentia.

Una vettura era condotta da una giovane (21 anni) di nazionalità polacca e l’altra da un ventenne del posto, a bordo della quale erano presenti altri due giovani ragazzi.

La situazione è apparsa, sin da subito, molto grave, tant’è che sono intervenute anche le ambulanze del 118.

La ragazza ha riportato lievi ferite guaribili in pochi giorni.

Ben più pesante invece la situazione per gli occupanti dell’altra macchina perché, a causa del forte impatto, un diciottenne ha perso la vita e gli altri due, in gravi condizioni, sono stati trasportati presso il locale Ospedale Civile di Vibo Valentia.

Inoltre, durante la notte, uno dei ragazzi è stato trasportato presso l’ospedale di Catanzaro.

La Polizia Scientifica della Questura, ha provveduto ad effettuare i rilievi del caso e il relativo fascicolo sarà trasmesso alla locale Procura della Repubblica competente per la vicenda.

Anche una pattuglia della Polstrada di Vibo è giunta per prestare ausilio.

Redazione Informa

Redazione Informa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.