Tropea. Natale? E luce fu…!

Tropea. Natale? E luce fu…!

Ritorna l’attesissima e ormai immancabile kermesse delle festività con le luminarie del Villaggio di Natale 2022

Tropea – Chi non ricorda il buio che circondava la città, nel periodo natalizio negli anni passati!

Con la maggior parte degli esercizi chiusi non appena terminata la stagione estiva e quindi con il corso principale immerso nel buio, tant’è che anche i pipistrelli andavano in letargo prima del tempo.

Solo le classiche luminarie allestite dalle varie amministrazioni comunali, davano un barlume di calore e qualche iniziativa tipicamente natalizia allietava qualche serata.

Come, ad esempio, il presepe vivente con le Chiazzarle sotto la guida della temeraria Marcella Romano che non è mai mancato, o la mostra dei presepi organizzata dalla Consulta delle associazioni, qualche altra iniziativa sporadica.

Per il resto, il silenzio.

Con l’amministrazione comunale guidata da Giovanni Macrì, la storia è stata letteralmente capovolta.

Perché si è avuta l’intuizione di programmare un periodo natalizio di tant’altro genere.

Intanto con le luci d’Artista che, impiantati in punti strategici del centro storico e non, sono state un richiamo per tanta gente, assetata di luce e di calore, che è giunta da ogni dove.

E poi con tante manifestazioni per tutto il periodo natalizio.

E il tutto è stato un forte richiamo.

Persino nel periodo più nero causato dalla pandemia, il Comune ha voluto regalare ai suoi cittadini quella luce colorata e calda delle luminarie in segno di speranza.

E si è giunti, così, alla terza edizione del Villaggio di Natale che il Comune realizza in collaborazione con l’associazione commercianti (AssComm) guidata da Romania Zangone, e con la Pro Loco presieduta da Maria Antonietta Pugliese.

Nonché con il coinvolgimento delle associazioni.

Perché per l’Amministrazione, ha affermato il sindaco in una conferenza stampa in merito, nel periodo natalizio, inteso come festa civile, si vuole regalare alla città un clima diverso da quello vissuto negli anni passati, che era di uno squallore indescrivibile, che non faceva sentire per nulla il clima natalizio e che, addirittura, allontanava dalla città.

Esso serve ad avvicinare le persone e ad aprire i dialoghi, ad unire le famiglie e non è certo inteso in chiave commerciale sebbene, per fortuna, lo è diventato.

Con il Villaggio di Natale, ha proseguito il primo cittadino, si vogliono offrire momenti di serenità, voglia di sentire aria natalizia, che è necessaria ad ogni comunità sana, ed avere anche la possibilità di destagionalizzare l’economia di una città come Tropea.

Perché è senz’altro importante far passare l’idea che la città può essere ospitale anche in inverno e non solo nel periodo estivo e il tempo del Natale, come le luminarie e le iniziative, è senza dubbio un richiamo.

In azione già dal mese di ottobre, quindi, le luci d’Artista sono state approntate, e il 26 novembre è avvenuta l’inaugurazione presso palazzo Santa Chiara.

L’accensione delle luci, per le quali il sindaco Macrì ha azionato un interruttore particolare, è stata preceduta da un momento teatrale con la direzione artistica di Serena Buccari e Nicola Labate e con cui è stato messo in evidenza il messaggio che AssComm e Amministrazione comunale intendono lanciare: “A Christmas Peace to all”, la Pace, della quale il mondo ha un estremo bisogno.

E così, il Babbo Natale, la fontana, le varie casette, le stelle, le sfere e tutte le altre, hanno iniziato ad inondare l’aria di luce.

Contemporaneamente, si è dato il via al Villaggio di Natale con tutte le manifestazioni in calendario.

Ovvero: l’apertura dei mercatini curati dall’associazione Giovani Tropeani, lungo la via Regina Margherita, e che resteranno aperti dalle ore 16.00 alle 20.00 fino al 6 gennaio prossimo.

Porte aperte per visitare la mostra dei presepi nel mondo di Francesco Badolato e il presepe allestito nel portone Bongiovanni e poi, fino al 6 gennaio, previste diverse manifestazioni con un occhio di riguardo verso i bambini.

In effetti, nelle varie giornate, il Villaggio di Natale 2022, regalerà serate con artisti di strada, con animatori alla villa Ghirlanda, con zeppolate e tanta musica.

Il 26 dicembre, come da sempre, è riservato al presepe vivente realizzato in collaborazione con il gruppo folk Le Chiazzarole e il 31 dicembre è previsto il brindisi di fine anno a cura del Comune.

Il presepe vivente in piazza dell’Annunziata, il 6 gennaio 2023, in collaborazione con Antonella Mussari, chiuderà il periodo natalizio.

E non manca il panettone alla cipolla rossa di Tropea Calabria Igp che, nella serata di inaugurazione delle luminarie, ha rapito letteralmente la scena.

Un capolavoro culinario di 5 Kg, con un impasto di cipolla e olio evo, realizzato dallo chef Francesco Mastroianni.

Al progetto hanno preso parte anche gli studenti dell’Alberghiero tropeano.

E così, per il Villaggio di Natale 2022, già dal mese di novembre, alla Pro loco, ha affermato la presidente Maria Antonietta Pugliese, sono arrivate tante richieste di informazione e in molti hanno scelto di trascorrere alcuni giorni in uno dei Borghi più belli d’Italia, bello anche nel tempo di Natale e che accoglie tutti e accompagna sul corso, su una lunga passatoia rossa che giunge fino all’affaccio.

Ed anche quest’anno, nell’aria non mancano le note melodiose degli zampognari.

Infine, il costo delle luminarie è di 100mila euro, recuperati dalla tassa di soggiorno e il consumo di energia elettrica per tutto il periodo di accensione, si aggira intorno ai 2mila euro.

Spesa intesa come un investimento utile per aumentare il brand della città.

Il Villaggio di Natale, invece, è realizzato in collaborazione con i commercianti grazie ai quali sono stati raccolti circa 10mila euro.

Altri proventi sono stati erogati dallo stesso Comune, da Asalt e da OspitAmo Tropea.

Mentre molti commercianti hanno scelto di tenere aperti i loro esercizi per tutto il periodo.

Vittoria Saccà

Vittoria Saccà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.