Terza giornata del campus Eiréne

studentiContinua il lavoro accorto dei giovani studenti tropeani che si trovano nel momento centrale della settimana; lavoro che si fa più intenso quindi, per dei giovani che hanno tanta voglia di fare. Tra Liceo Classico, Liceo Scientifico, Servizi Commerciali e Servizi Enogastronomici, l’Istituto Superiore di Tropea si trova impegnato in un sincronizzato e intenso lavoro di gruppo, che oltre a dare sfogo alla creatività dei ragazzi si propone di migliorare l’aspetto scolastico. Ogni mattina, assemblee, note, pennelli che lasciano colori di fantasie fedeli al tema del campus, scatti, danze a ritmo di musiche di differenti culture e attività di vario genere, in un via vai di giovani entusiasti, animano le scuole di Tropea regalando un’atmosfera di festa. Al liceo classico, come negli altri indirizzi, prendono forma i progetti dei rispettivi gruppi, che dovranno essere definitivamente pronti per sabato, giorno della chiusura del campus Eiréne. L’ospite della terza giornata della settimana studentesca al liceo classico è stata la scrittrice Francesca Chirico, che per l’occasione ha presentato il proprio libro: “Io parlo”. Si tratta di una raccolta delle esperienze di alcune donne che hanno deciso di parlare e quindi denunciare la realtà in cui vivono e di cui sono state e sono vittime. Un incontro, dunque, incentrato sulla forza e sul coraggio di donne calabresi che si sono ribellate puntando sull’incisività della parola. Un tema forte, attuale e importante che suscita sempre un certo interesse; in questo caso gli studenti del liceo hanno dimostrato la giusta maturità partecipando al confronto con domande e opinioni su cui si è discusso a lungo. Al termine dell’assemblea, questa volta conclusasi alle 12:00, i ragazzi hanno raggiunto i propri gruppi mettendosi subito a lavoro, perché, come dice il rappresentante Francesco Natale, “quest’anno il tempo previsto per il lavoro dei gruppi è limitato”.

“Il lavoro – continua il rappresentante degli studenti – procede molto bene: noi tutti ci stiamo impegnando al meglio per poter produrre il tutto nel migliore dei modi. Il divertimento è tanto, l’interesse pure e i lati formativi di questo spicchio di stagione scolastica sono notevoli. Credo che sia un campus fantastico!”

Nello specifico, i laboratori dei ragazzi hanno proseguito il progetto iniziato i giorni immediatamente precedenti: il gruppo musica ha preparato la canzone da eseguire al termine del campus, che, anticipa, sarà “We are the world”. Un brano perfettamente inerente al tema del campus che sarà seguito da un secondo, su cui i ragazzi del gruppo stanno lavorando. Inoltre hanno iniziato a dare vita al brano inedito, che sarà comunque fedele al tema della pace. Per quanto concerne il gruppo “fotografia”, invece, i ragazzi si sono visti, in parte, protagonisti in un via vai continuo per seguire il resto dei ragazzi a lavoro. La restante parte del gruppo ha impegnato fantasia e creatività per cercare le foto adatte al prodotto finale del progetto. Gli “informatici”, dell’omonimo gruppo, si sono visti impegnati in un triplice lavoro: organizzatisi in gruppi minori, hanno continuato a curare il blog della scuola; hanno continuato le riprese del video che verrà presentato al termine del campus; hanno proseguito con il progetto riguardante il videogioco. Il “giro del mondo in 6 giorni” ha continuato con l’interessante progetto interculturale provando le coreografie e i costumi di diversi Paesi, come Egitto, Giappone e America. Il gruppo “sport”, invece, oltre che ad affrontare discorsi riguardanti i problemi che affliggono gli sport in genere, ha iniziato a programmare la partita che si svolgerà più avanti, con i ragazzi dei servizi commerciale da poco arrivati in Italia.

 

Focus: leggi tutti gli articoli di questo approfondimento

Antonio Il Grande

Antonio Il Grande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.