Sit-in sindaci a Vibo: bloccato il trasferimento dei vaccini anticovid da Vibo a Reggio

Sit-in sindaci a Vibo: bloccato il trasferimento dei vaccini anticovid da Vibo a Reggio

I sindaci uniti di fronte l’ospedale per bloccare il mezzo che avrebbe portato le dosi a Reggio Calabria

“Una guerra tra poveri che rischia di mettere province contro e creare cittadini di serie A e di serie B” così sintetizza quanto successo oggi il consigliere comunale di Drapia Matteo Aiello, presente al sit-in dei sindaci di fronte l’Ospedale di Vibo Valentia.

Motivo dello scontro le dosi di vaccino anticovid consegnate all’Asp di Vibo ma dirottate a Reggio Calabria.

“1000 dosi sono già state mandate a Reggio Calabria – spiega Aiello – mentre altre 1490 siamo riusciti a bloccarle oggi”.

Ad intervenire subito ed a spiegare la situazione la Commissaria dell’Asp Bernardi: “Il problema – ha chiarito la dirigente – nasce dalla nostra decisione di aver messo da parte, il 30% delle dosi da destinare ai richiami. Ma mi è stato riferito che ho sbagliato, che le dosi vanno utilizzate tutte per poi attendere l’arrivo di nuove“.

La giustificazione per la decisione del trasferimento é stato infatti il mancato utilizzo delle dosi a Vibo.

I sindaci proprio per questo motivo hanno proposto, e si sono messi a disposizione, per avviare una campagna extra mettendo a disposizione locali nei singoli comuni, per accelerare i tempi della vaccinazione.

In serata è arrivata intanto la nota del parlamentare del Movimento cinque stelle Tucci che ha dichiarato come l’ordine di servizio che prevedeva la consegna di ulteriori 2140 dosi da parte dell’Asp di Vibo a quella di Reggio Calabria, sarà revocato dal commissario alla Sanità della Regione Guido Longo.

Tania Ruffa

Tania Ruffa

Laureata in Scienze politiche e relazioni internazionali presso l'Università La Sapienza di Roma si occupa di comunicazione digitale, in particolar modo politica e della Pubblica Amministrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.