Si conclude la V edizione di “Avvistamenti Teatrali”: 1500 spettatori in 7 appuntamenti

Si conclude la V edizione di “Avvistamenti Teatrali”: 1500 spettatori in 7 appuntamenti

A Torre Marrana il pubblico “sfida” la pandemia per ritrovarsi intorno al teatro

RICADI – Il teatro Torre Marrana, si è riempito ogni sera nei limiti imposti dalle norme, con una media di 300 spettatori per i quattro appuntamenti canonici, mentre sono stati circa 300 i partecipanti agli eventi collaterali.

Un pubblico consapevole, fiducioso e in fila ordinata, con la voglia di tornare a rivivere la scena contemporanea.

È questo il bilancio della quinta edizione di “Avvistamenti Teatrali”, la rassegna dedicata alla nuova drammaturgia, ideata e diretta dall’associazione “Avvistamenti” di Maria Irene Fulco e Michele Paluci, con la direzione artistica di Andrea Paolo Massara.

Un’edizione ricca, in cui i numeri raggiunti testimoniano la voglia del pubblico di ritornare a teatro per partecipare all’unica rassegna teatrale estiva in tutta la provincia di Vibo Valentia, che ha sfidato la pandemia e le nuove norme restrittive.

Gli spettacoli in cartellone, fra le migliori proposte della scena contemporanea, sono stati legati dal fil rouge della famiglia.

A chiudere la rassegna, come di consueto, uno spettacolo rivolto a grandi e piccoli, stavolta con la compagnia Arione de Falco e il loro lavoro, premio In-Box verde 2021, “Oggi. Fuga a quattro mani per nonna e bambino”.

I suoni di Enrico Messina, i corpi e le voci di Annalisa Arione e Dario de Falco tessono una drammaturgia ironica quanto poetica e profonda per raccontare la storia di due generazioni lontane che si prendono per mano.

In uno dei luoghi più suggestivi della Calabria, dopo un anno di fermo a causa della pandemia, il teatro, nonostante le difficoltà organizzative e burocratiche, ha riacceso i riflettori su tematiche urgenti come la legalità, l’identità, la libertà di pensiero ed espressione e il rispetto verso il prossimo portando in scena storie forti, vere, con testimonianze di resistenza e coraggio.

Teatro Torre Marrana

La rassegna, ha trasformato il parco Torre Marrana in uno spazio culturale da vivere a 360 gradi e che nei sette appuntamenti della stagione si è trasformato da teatro in planetario, da sito archeologico con visite guidate a spazio conviviale con una cena spettacolare sul palcoscenico.

Un teatro che non è un luogo elitario, ma diventa la casa di tutti, una piazza dove la comunità si riunisce.

La rassegna, è stata realizzata con il sostegno della Regione Calabria, del Comune di Ricadi e del partner privato “De’ Minimi di Villa Paola”, Tropea, nuovo ristorante gourmet con un’impronta innovativa e fortemente culturale che promuove e ospita mostre ed eventi, finanziando le manifestazioni di maggior rilievo del territorio.

«L’augurio per la prossima stagione – commenta Andrea Paolo Massara, direttore artistico di “Avvistamenti Teatrali” – è di poter tornare a teatro senza green pass, senza paura, senza distanze, anzi vicini, gomito a gomito.

Quando guardiamo uno spettacolo e scopriamo che anche l’altro – accanto a noi – sorride, tutti siamo meno soli e la nostra gioia si moltiplica.

Ci manca la vicinanza, l’empatia. Il teatro è proprio questo: comunità, condivisione di storie, di immaginario, per commuoverci, sorridere delle nostre vite, e capirci magari qualcosa in più».

Ilaria Giuliano

Ilaria Giuliano

Laureata in scienze giuridiche presso l'università di Pisa, è giornalista pubblicista per il Quotidiano del Sud e collabora con Informa dalla sua fondazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.