Scioperi studenteschi per le aule al freddo

Sciopero2015Da diversi giorni ormai aleggia fra gli studenti di un po’ tutta la provincia il malcontento per quanto riguarda la questione degli impianti di riscaldamento, inattivi per diversi motivi. Numerose le scuole che hanno aderito agli scioperi; da Vibo a Tropea migliaia di ragazzi dimostrano il proprio disappunto per una condizione scomoda e non proprio idonea, considerato il periodo profondamente invernale. Lo sciopero, nelle scuole superiori tropeane, ha avuto come fase embrionale una partecipazione alle giornate scolastiche di numerosi ragazzi forniti di plaid; subito dopo, non avvertendo alcun segnale di miglioramento della situazione, gli studenti sono passati all’astensione vera e propria dalle ore scolastiche. Un modo, quindi, per cercare di farsi sentire e dimostrare di essere pienamente coscienti dei diritti che li riguardano. Proprio quest’oggi, al liceo classico Pasquale Galluppi, circa 110 ragazzi, la quasi totalità degli appartenenti a quell’indirizzo, hanno aderito allo sciopero, riunitisi all’ingresso in atto di protesta. “Non è sostenibile una condizione del genere. Noi tutti studenti stiamo protestando per un nostro diritto, e questo credo sia doveroso per dimostrare responsabilità e coscienza. Diversi giorni fa abbiamo contattato la provincia, che ci ha garantito una data di scadenza entro la quale il nostro indirizzo sarebbe stato fornito del materiale per attivare gli impianti. Ebbene, dopo un giorno da quella data stabilita, scioperare è il minimo che si possa fare.” Dichiara il rappresentante d’istituto, a nome di tutti gli studenti. Si prevede, inoltre, per domattina, una manifestazione di tutti gli indirizzi proprio a Tropea, che insieme hanno deciso di gridare a chi di dovere: “Noi abbiamo freddo, e non averlo è un nostro diritto!” come ribadisce il rappresentante d’istituto.

Antonio Il Grande

Antonio Il Grande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.