Riconoscimento “Stelle Brutie 2022” per Pippo Callipo

Riconoscimento “Stelle Brutie 2022” per Pippo Callipo

Impegno e tenacia di un uomo che ha investito risorse economiche e umane per favorire lo sviluppo del territorio attraverso lo sport

In occasione dell’evento che vede il conferimento del Premo “Stelle Brutie 2022”, tra le cinque personalità più rappresentative del mondo dello sport calabrese, premiate nell’ambito della prima edizione dell’iniziativa, c’è anche l’imprenditore napitino Pippo Callipo, “padre” della Società di pallavolo che da sei lustri milita nei  massimi tornei nazionali, dando un grande prestigio alla città di Vibo Valentia, dove la squadra ha sede, e all’intera regione.

Impegno e tenacia

Un gesto , dunque, per gratificare l’impegno e la tenacia di un uomo lungimirante, che ha investito risorse economiche e umane per favorire lo sviluppo del territorio attraverso lo sport, così come viene evidenziato nel testo delle motivazioni che accompagnano il Premio.

«Per il coraggio di investire nello sport in una terra bellissima ma piena di contraddizioni, per aver creduto negli atleti calabresi e in modo particolare nella sua squadra di volley che ormai da anni riscuote successi a livello nazionale.

Un riconoscimento speciale con menzione d’onore per tutto ciò che di grandioso arriverà».

Durante la serata che si è svolta presso il “Palasport Europa” di Rende (Cosenza), l’imprenditore Pippo Callipo ha ripercorso con entusiasmo le tappe più importanti di questi trent’anni di “militanza” sportiva.

«Come più volte mi sono ritrovato a raccontare tutto ebbe inizio nei primi anni Novanta con una sponsorizzazione accordata a un gruppo di ragazzi appassionati di pallavolo.

Si trattava di una squadra che militava in Serie C2.

Dopo poco ho intuito che per ottenere i risultati in campo serviva avere una struttura ben organizzata che si occupasse di tutte le attività della squadra.

Una volta arrivati in B2 il progetto divenne più serio e quindi anche più impegnativo.

Me ne sono fatto carico da solo e da allora si sono susseguiti anni di battaglie e di emozioni.

Abbiamo disputato la Serie A1 per più di quattordici anni, attualmente siamo in A2 e siamo protagonisti di un bel campionato: il primo posto in classifica, alla conclusione del girone d’andata, ci ha fatto guadagnare il titolo di “campioni d’inverno” e speriamo di proseguire su questa scia per riconquistare il prestigioso palcoscenico della Superlega.

L’obiettivo principale è sempre stato quello di dare lustro alla Calabria”.

Poi un passaggio sull’attualità

«Oggi è difficile per le aziende devolvere finanziamenti per mantenere una società sportiva, perché si sono ridotti tantissimo i margini e gli sforzi per farlo sono enormi».

Un messaggio ai più giovani

Infine, un messaggio significativo ai ragazzi a cui l’attenzione del Presidente Callipo è sempre stata massima attraverso le attività del Settore Giovanile e le iniziative in ambito sociale.

«Mi sento di invogliarli ad avvicinarsi allo sport.

In Calabria ci sono tanti ostacoli perché non ci sono le strutture e anche le famiglie hanno svariate difficoltà.

Noi andiamo nelle scuole per sensibilizzare i ragazzi e indirizzarli alla pratica sportiva, invitandoli ad assistere alle partite della prima squadra oltre che a invogliarli al reclutamento nel nostro vivaio.

Credo fermamente che le Istituzioni, le agenzie educative, le associazioni abbiano la responsabilità di far appassionare i giovani a qualcosa di interessante e di positivo come lo sport.

Noi ci proviamo».

Redazione Informa

Redazione Informa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.