Restare più a lungo possibile giovani? Si grazie! Le tecniche anti-aging in odontoiatria

Restare più a lungo possibile giovani? Si grazie! Le tecniche anti-aging in odontoiatria

Come prevenire le malattie e i segni dell’invecchiamento

Sembra ovvio sottolinearlo, ma anche la bocca, così come le altre parti del viso, subisce negli anni processi di invecchiamento e deterioramento che si manifestano inesorabilmente e con durezza.

Possiamo anzi dobbiamo rallentare questi processi, per mantenerci belli e in salute e dare pienezza e valore alla vita per tutti gli anni che abbiamo a disposizione.

L’invecchiamento della bocca e dei denti oltre al danno estetico comporta anche un importante danno funzionale, che si concretizza nella progressiva diminuzione dell’efficienza della masticazione.

La buona notizia è che come altri parti del viso, anche la bocca si può giovare di trattamenti anti-aging, che oltre a curare il danno estetico si rivelano utilissimi per migliorare il benessere generale della persona perché riparano il danno funzionale.

Andiamo quindi ad esaminare le conseguenze dello scorrere del tempo sulla bocca e i suoi componenti.

Il primo aspetto da esaminare è quello legato all’usura dentaria: i denti masticando si consumano, esattamente come gli pneumatici dell’automobile.

L’usura dentaria può provocare importanti alterazioni dell’equilibrio della bocca, con l’insorgenza di alterazioni del profilo del viso e di squilibri masticatori.

Le labbra perdono tono e compaiono rughe a causa della perdita di altezza delle arcate dentarie; possiamo così dire che la minore altezza dovuta all’usura delle arcate dentarie è uno dei più importanti fattori di invecchiamento delle labbra, e che l’uso dei filler per le labbra è improprio se non si ristabilisce prima la giusta altezza delle arcate.

Un secondo aspetto negativo dello scorrere del tempo è la progressiva perdita di luminosità dei denti, che si scuriscono inesorabilmente spegnendo il sorriso della persona.

Anche le gengive, essendo costituite da tessuto molle e delicato, sono soggette a usura e invecchiamento; questi fenomeni sono sicuramente amplificati da errate tecniche di pulizia o da mancata diagnosi di parodontite o da pulizia insufficiente o al contrario troppo aggressiva. 

Questi dunque sono gli effetti dello scorrere del tempo, e noi odontoiatri dobbiamo essere in grado di proporre soluzioni per mantenere o restituire un aspetto giovanile alla bocca e al viso.

Cosa si può fare concretamente? La prima cosa da fare è quella di mettere in atto sin da giovani accorgimenti per invecchiare bene e più lentamente: stili di vita sani, attività motoria e buone abitudini quotidiane.

I controlli periodici dal dentista sono indispensabili per mantenere la salute di denti e gengive e prevenire la malattia cariosa e quella parodontale.

Se notate di avere sin da giovani la tendenza a strofinare i denti, si possono utilizzare bite notturni per limitare l’attrito e l’usura dentaria.

Se l’usura è già avvenuta si possono utilizzare tecniche additive adesive per ripristinare la perdita di sostanza dentale, evitando così limare i denti per confezionare corone protesiche.

Nei casi di usura anche gravi non è più indicato l’uso di corone protesiche perché le procedure per realizzarle sono estremamente invasive e paradossalmente creano ancora più danno.

Insomma la sfida dell’odontoiatria moderna è di aiutare le persone a mantenere giovane e luminoso il proprio sorriso e il volto, e grazie a tecniche moderne è oggi più facile dare luce e bellezza al proprio aspetto per mantenersi belli e piacenti negli anni.

di Pasquale Loiacono

Dottore odontoiatra – www.pasqualeloiacono.itsorridenti.tropea@gmail.com

Redazione Informa

Redazione Informa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.