Precariato in Calabria, l’appello di Persico: «Senso di responsabilità»

Precariato in Calabria, l’appello di Persico: «Senso di responsabilità»

Precari in Regione, nuovo appello della Cisal: Fondazione Terina, Calabria Lavoro, precariato istituzionalizzato e scelte coraggiose

Dialogo, confronto e proposte costruttive al fine di risolvere i tanti problemi che attanagliano la Regione.

E’ quanto chiede in una nota la Segreteria regionale della Cisal che lancia un nuovo appello per ridare serenità a migliaia di lavoratori e le loro famiglie.

Fondazione Terina

“Negli ultimi giorni abbiamo assistito ad un nuovo fronte, di possibile crisi che potrebbe aprirsi alla Fondazione Terina dove il personale, negli anni scorsi, ha vissuto momenti terribili, sfociati in malori e azioni eclatanti dei lavoratori”.

Oggi la segreteria regionale della cisal chiede un confronto su tutti gli Enti e Fondazioni che gravitano attorno alla galassia degli Enti “Sub-Regionali” della Regione.

Calabria Lavoro

Inoltre, Giunta e Consiglio Regionale si sono attivati per il Corap arrivando a modificare lo statuto al fine di salvaguardare il personale.

“Identico discorso deve essere assolutamente adottato per il personale in servizio di Azienda Calabria Lavoro, dove ci sono categorie di lavoratori su cui, da tempo si consumano discriminazioni sia dal punto di vista giuridico che dal punto di vista contributivo.

Sono passati quattro legislature e ancora 286 famiglie non trovano pace”. 

Precariato istituzionalizzato

“Non possiamo assolutamente dimenticare tutti quei lavoratori che appartengono alla L.R. 1/2014 e alle successive integrazioni.

I lavoratori dell’ex Legge 28/2008 e 8/2010, i lavoratori della L.R. 15/2008 e tutto il precariato – si legge nella nota – che ancora non ha trovato la giusta collocazione, come i lavoratori della L.R. 12/2014 che continuano a peregrinare lungo tutta la Regione e in tutte le sedi istituzionali per chiedere l’avvio del loro percorso al pari degli altri”.

Dal 29 dicembre 2020 sono stati continui i rinvii di Conferenza dei Capigruppo e delle Commissioni, rischiando di perdere i fondi accantonati dall’Assessorato competente.

Scelte coraggiose

“Alla luce dei tanti pensionamenti – continua la nota – previsti in Regione ed i conseguenti vuoti all’interno dello stesso Ente, crediamo sia necessario stabilire delle linee guida in sede di predisposizione del piano per il fabbisogno regionale con delle priorità che tengano conto delle acquisite professionalità di questi lavoratori precari, valutando ogni situazione deve essere per la sua specificità attraverso un confronto aperto e contributo fattivo di tutte le organizzazioni sindacali”.

Redazione Informa

Redazione Informa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.