Parghelia, con le sue splendide spiagge che ben rappresentano la “Costa degli Dei”, protagonista in due weekend dedicati all’ambiente mare e ai cani da salvataggio.

Parghelia, con le sue splendide spiagge che ben rappresentano la “Costa degli Dei”, protagonista in due weekend dedicati all’ambiente mare e ai cani da salvataggio.

L’ Amministrazione Comunale di Parghelia, accogliente cittadina in provincia di Vibo Valentia, di circa 1.300 abitanti sita ad appena 75 m. di altitudine su quella fascia di Mar Tirreno definita, per la sua bellezza “Costa degli Dei”, ha inteso offrire ai cittadini e ai tantissimi turisti che affollano i suoi ben 8 chilometri di litorale, due weekend (il 25 e 26 Luglio e l’1 e 2 Agosto) dedicati alla scoperta dei cani bagnino e alla pulizia dei fondali. Sono occasioni, queste, in cui ci si può confrontare sulle tematiche ambientali sensibilizzando sia la comunità locale che i turisti presenti, su quanto sia determinante e non più prorogabile rispettare la natura, dalle montagne al mare e riconoscere i giusti meriti alle unità cinofile di salvataggio che, pur senza clamore, e affrontando moltissimi sacrifici, salvano ogni anno moltissime vite umane. Per dare corpo a questa ammirevole iniziativa il Sindaco di Parghelia Antonio Landro, coadiuvato dal Vicesindaco Tommaso Belvedere e dal Presidente della Pro Loco – Cristina Anello, grazie all’interessamento del Presidente del Centro Cinofilo A.S.D. ” AQUILE DI CALABRIA – GiovamBattista De Pietra, ha ottenuto la collaborazione di due prestigiose associazioni di volontariato che operano in Calabria, l’A.N.P.A.N.A. – O.E.P.A. e la S.I.C.S..
Proprio quest’ultima, la “Scuola Italiana Cani Salvataggio” ha inaugurato Sabato 25 Luglio la prima giornata di questa iniziativa. E’ stato veramente indimenticabile vedere da vicino questi eroi a quattro zampe impegnati, con i loro conduttori, nelle varie simulazioni di salvataggio. A tale proposito é doveroso ringraziare il Comandante della Capitaneria di Porto di Vibo Valentia – Capitano di Fregata GIUSEPPE SPERA e sia gli Ufficiali a terra intervenuti in Sua rappresentanza che il personale a bordo della Motovedetta CP733 e del gommone GC315, la cui presenza ed operatività sono state particolarmente apprezzate, sia dagli organizzatori che dal numeroso ed attento pubblico presente. I sommozzatori dell’A.N.P.A.N.A. – O.E.P.A. Antonio De Rose e Giuseppe Maddalena, Presidente quest’ultimo della Sezione Provinciale di Cosenza, hanno interpretato i ruoli di subacquei in pericolo, immediatamente soccorsi dalle unità cinofile della S.I.C.S.. Tutti i presenti, specie i bambini, sono rimasti particolarmente colpiti dall’abilità, dalla forza e dall’abnegazione con le quali sia il conduttore che il suo compagno a quattro zampe hanno portato soccorso ai pericolanti. Un grazie di cuore quindi ad Andrea Barone – Coordinatore Regionale S.I.C.S. e al suo cane Labrador SAM, ad Egidio La Valle con il Labrador ACHILLE e a Maria Antonietta Scigliano con la Labrador ZOE. Dei veri e propri Eroi, basti pensare che il solo SAM ha già al suo attivo circa 40 salvataggi! Domenica 26 é invece stata dedicata alla pulizia dei fondali nel tratto di mare prospiciente la località “La Grazia”.

I subacquei del Nucleo Sommozzatori di Protezione Civile dell’A.N.P.A.N.A.- O.E.P.A. di Cosenza, Andrea Boscarelli e Antonio De Rose, coordinati dal Capo Immersioni Giuseppe Maddalena, hanno esplorato il fondale alla ricerca di materiali estranei all’ambiente marino, di eventuale origine antropica da prelevare e riportare a terra per essere poi consegnati alla società di gestione dei rifiuti. Mentre i sommozzatori erano in immersione, il Presidente Nazionale A.N.P.A.N.A. – O.E.P.A., Cesare Calvano, speaker della manifestazione, si è intrattenuto con gli uomini della Capitaneria di Porto di V.V. che sono stati lieti di dare consigli e raccomandazioni sul corretto comportamento da tenere sulla spiaggia e in mare. Si è parlato di rispetto dell’ambiente e di come atteggiamenti virtuosi possano far si che i nostri figli continuino a gioire per un ambiente incontaminato. Al ritorno a riva dei sommozzatori con il frutto delle loro ricerche, é stato di estrema soddisfazione per i presenti apprendere che, al di là qualche copertone sicuramente perso da qualche peschereccio che li usava come parabordi, e pochissimo altro, l’intero fondale esplorato era perfettamente pulito, con un ecosistema invidiabile tanto da fare dichiarare al Presidente Maddalena che, in tantissimi anni di immersioni, forse quello di Parghelia era il mare più incontaminato che potesse ricordare. Alla manifestazione ha preso parte anche una rappresentanza del COMITATO DELLA CROCE ROSSA DI PAOLA con il suo Presidente Menotti Luca Scerra e la Volontaria Maria Teresa Daniele.

Redazione Informa

Redazione Informa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.