Nasce la Confraternita “Cipolla Rossa Tropea”

Nasce la Confraternita “Cipolla Rossa Tropea”

Una marcia in più per la sua promozione

A farci visita nei giorni scorsi la FICE, Federazione Italiana Circoli Enogastronomici, che, proprio in Calabria, ha voluto realizzare  il suo trentanovesimo raduno.

Presente all’evento, assieme ad altre 29 confraternite, accomunate dalla finalità di tutela e diffusione dell’enogastronomia tradizionale italiana, quella della Frittola Calabrese La Quadara che ha avuto l’idea di ospitare il raduno nella nostra regione; presente anche una rappresentanza internazionale, quella della Confederation Europenne de Gourmets.

Diverse le tappe del percorso calabrese della Federazione che ha colto l’occasione per far conoscere ai soci, 150 provenienti da tutt’Italia, i panorami da sogno del territorio regionale assieme alle sue variegate bellezze culturali.

Da noi, prima meta del viaggio, non poteva mancare l’incontro col Consorzio di Tutela della Cipolla Rossa di Tropea Calabria I.G.P. e, nella vicina Spilinga, quello col Consorzio di produttori della Nduja, significativa anche la riunione con la comunità, alla presenza di tanti esperti del settore.

In un clima festoso, reso variopinto dai costumi tipici degli associati: mantelli colorati, collari con medaglioni e paludamenti unici di ogni gruppo, è avvenuta anche l’iniziazione della Confraternita “Cipolla Rossa di Tropea”, un evento importante, foriero di significativi esiti promozionali del territorio in termini di diffusione e valorizzazione delle tradizioni enogastronomiche locali.

Sapori, profumi e segreti culinari, senza un impegno dedicato, rischierebbero di venire sopraffatti dalla modernità, mentre é importante non dimenticare le radici ed avere la capacità di recuperarle e riproporle con atteggiamento di apertura al nuovo, al diverso e alle opportune contaminazioni, vissute come plusvalenza.

Il confronto con la Confraternita del Gorgonzola, del Baccalà, della Frittola e di tante altre ha espresso  proprio la voglia di rivitalizzare la storia dei territori attraverso piatti, ricette, prodotti e consuetudini locali.

Quest’impegno significa trasformare le usanze gastronomiche in Cultura e offrire al visitatore un’esperienza culinaria di qualità che diventa forte elemento di attrazione al pari delle bellezze naturalistiche, degli eventi culturali  e del livello qualitativo dell’accoglienza.

È importante cogliere il valore impareggiabile delle tipicità anche sul terreno essenziale  della cucina e muoversi in direzione della loro esaltazione massima.

Ogni località ha dei prodotti di eccellenza, la nostra Cipolla Rossa, conosciuta e apprezzata in tutto il mondo, può diventare un potente attrattore di viaggiatori attenti alle differenze che fanno di una visita turistica un’avventura affascinante.

Nella cornucopia ricca di eccellenze da presentare all’ospite attento, e quindi esigente, un posto di primo piano é occupato dall’offerta enogastronomica con la punta di diamante della gustosissima e salutare Cipolla Rossa.

Grazie alla Confraternita che porta il suo nome il prezioso bulbo avrà una marcia in più per presentarsi al pubblico nella sua giusta veste.

Il circuito della FICE opera in maniera mirata e competente e il suo valore é acclarato dai tanti progetti di successo portati a felice compimento.

Anche questa iniziativa, quindi, è un importante tassello di una complessiva operazione di mercato che punta ad elevare il livello della nostra offerta turistica sul mercato nazionale ed internazionale attento a tutte le scelte capaci di rendere esclusiva ed indimenticabile l’esperienza proposta.

Giovanni Macrì

Giovanni Macrì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.