L’originale arte di Angelo Nazionale

L’originale arte di Angelo Nazionale

L’artista, nato a Tropea il 24 gennaio del 1955: «Cercherò di esporre nelle gallerie più significative d’Europa»

Angelo Nazionale, poco prima di avvicinarsi al mondo della pittura, nel 2019, andava in pensione presso l’Istituto Comprensivo Statale di Cessaniti, in qualità di Direttore Amministrativo e dopo 42 anni di onorato servizio.

A partire dal lontano 1980, invece, ha svolto l’attività di Istruttore Sub Internazionale, eseguendo con passione tante immersioni subacquee ed esplorando tutti i fondali della Costa degli Dei.

Un’esperienza, la seguente, che gli ha permesso di acquisire dettagliate ed esclusive conoscenze.

Il suo percorso di artista inizia nel febbraio del 2020, durante il primo lockdown per la pandemia del Covid-19.

A tal proposito, ogni sera, il signor Angelo portava i suoi cani a fare una passeggiata, restando sempre in prossimità della sua casa di campagna.

Considerando che in quella zona si possono ammirare dei meravigliosi paesaggi, Angelo Nazionale fu ispirato da un bellissimo tramonto, osservato nel corso di una delle sue passeggiate serali e scelto come elemento naturale del suo primissimo dipinto che, in particolare, fu realizzato con ducotone murario, colori specifici per il ducotone e su un fondo di cassetta di frutta.

Il dipinto, inoltre, ha ricevuto il giudizio positivo del fratello Antonio Nazionale, anch’esso pittore e già inserito nel mondo dell’arte.

A questa valutazione si sono aggiunti anche i complimenti di un critico d’arte del Comune di Ricadi e del Maestro Pino Schiti.

Stimolato dalle parole di apprezzamento ricevute, Angelo Nazionale ha deciso di dare continuità a questo percorso e, da lì a poco, ha eseguito altri 200 dipinti su fondo di cassetta di frutta.

Le creazioni di questo sorprendente artista, tra l’altro, sono eseguite con materiali edilizi.

Un aspetto, questo, che si differenzia dalle classiche tecniche artistiche che sono già uso e che, unito all’estro creativo di Angelo Nazionale, dà alle opere un’identità speciale e del tutto unica.

Va sottolineato anche che, in soli due anni, questo artista ha eseguito circa 800 quadri che richiamano tutti gli stili artistici, partendo da pittori come Antonio Rizzo e Lorenzo Albino per poi arrivare a Van Gogh, Picasso, Monet, Dalì, ecc.

A coronamento del suo impegno artistico, Nazionale ha anche ottenuto degli importanti riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale.

Il 10 e l’11 gennaio del 2022, prende parte al Premio Internazionale d’arte “Maestri a Milano” e viene premiato al Teatro Alessandro Manzoni con l’opera “La natura vince sempre”.

Come se non bastasse, nel febbraio del 2022, l’opera viene videoesposta presso la galleria d’arte “Chiostro del Bramante”, presente in Viale della Pace a Roma; nel giugno 2022 il pittore fa tappa a Palermo e nell’ambito del “Premio Artista per la Pace”.

Nello specifico, in tale occasione, Angelo viene premiato con l’opera “Padre fino a quando mi durerà la pazienza”, ispirato all’attuale conflitto contro il popolo ucraino e in cui è raffigurato un Cristo che è trafitto dai missili delle diverse nazioni in guerra.

Come se non bastasse, dal 13 al 17 dicembre del 2022, sarà videoesposta un’opera del Maestro Angelo Nazionale presso la galleria d’arte “Espacio Gallery” di Londra.

Il dipinto raffigura una donna che rappresenta la libertà ed è stato già selezionato dalla commissione del prestigioso “Premio Artisti Italiani a Londra”.

Dal 17 al 31 dicembre 2022, invece, sarà videoesposta l’opera dal titolo “La donna riciclata”, presso la galleria d’arte “Purificato.Zero” in via Bisagno a Roma.

Nello specifico, l’opera è stata selezionata e premiata in occasione del Premio Internazionale d’arte contemporanea “Artista d’Italia 2022”.

In aggiunta, i dipinti “La natura vince sempre” e “Padre fino a quando mi durerà la pazienza”, sono entrambi inseriti nella prestigiosa rivista “Art Now”.

Per quanto riguarda il futuro, Angelo Nazionale dichiara: «Ricordando con gioia  l’esperienza della mia mostra personale, svoltasi nel mese di settembre presso il Palazzo della Cultura di Tropea e con il Club di pittori “La Fenice” di cui sono anche socio, mi propongo di organizzare delle nuove mostre a Tropea, ma anche a Ricadi e sempre con la collaborazione degli enti istituzionali del territorio.

Ovviamente, cercherò di far esporre le mie opere anche nelle gallerie più significative d’Europa».

Pasquale Scordamaglia

Pasquale Scordamaglia

Giovane diplomato "Tecnico della gestione aziendale". Attivo nel campo dell'associazionismo e del volontariato. Socio fondatore dell'Associazione "Generazione Speranza".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.