Il Tar del Lazio respinge il ricorso del già sindaco Giuliano contro lo scioglimento per infiltrazioni mafiose

pino-giuliano1Il ricorso presentato dall’ex primo cittadino di Ricadi, Pino Giuliano, e dagli esponenti di quella che è stata la sua amministrazione, non è stato accolto dai giudici amministrativi romani. Questo il verdetto deciso dal Tar del lazio nel pomeriggio di lunedì.

Al momento, ma si tratta di una breve attesa, non sono state rese note le motivazioni della decisione. Sicuramente si tratta di una sentenza che ha gettato stupore e sbigottimento sia nell’amministrazione stessa di Giuliano, sia in quella maggioranza di ricadesi che ha sempre supportato l’ex sindaco e la sua squadra sin dalla nascita del progetto “Ricadi Rinasce”, il programma elettorale di Pino Giuliano che vinse alla tornata elettorale del 2011.

Era il febbraio del 2014 quando il decreto presidenziale di scioglimento del consiglio Comunale aprì la stagione commissariale, con una terna nominata dal prefetto. Subito dopo, l’intenzione della compagine di appellarsi al Tar romano contro il provvedimento di scioglimento.

Arriviamo così al 15 luglio, con l’udienza e il ritiro in camera di consiglio dei giudici che si sono espressi lunedì. Ricordiamo che sono stati due i ricorsi presentati innanzi ai giudici amministrativi romani: uno dallo stesso Giuliano contro lo scioglimento degli organi elettivi; il secondo, è stato presentato sia dall’ex sindaco che dagli ex amministratori Vera Carone, Francesco Giuliano, Francesco Pantano, Michele Mirabello, Mercurio De Carlo, Giuseppe De Carlo, Francesco Mazzitelli, Nicola Tripodi. Ad ogni modo, ricordiamo che vi è la possibilità per Giuliano e per gli ex amministratori di appellarsi, avverso la decisione del Tar romano, al Consiglio di Stato.

Ilaria Giuliano

Ilaria Giuliano

Laureata in scienze giuridiche presso l'università di Pisa, è giornalista pubblicista per il Quotidiano del Sud e collabora con Informa dalla sua fondazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.