Giovani in agricoltura: sul loro futuro ancora nessuna risposta

Giovani in agricoltura: sul loro futuro ancora nessuna risposta

Il presidente Giuseppino Santoianni, dell’Associazione Italiana Coltivatori, chiede di pubblicare la graduatoria del bando regionale fermo da troppo tempo

Nuovi insediamenti dei giovani in agricoltura, questi sconosciuti.

È da anni che si attende la graduatoria delle domande formulate dalle nuove generazioni di imprenditori

che hanno scelto di voler scommettere sul ritorno alla terra

o ereditare la produttività e la manualità dei loro genitori, assumendo il comando di aziende del territorio.

Ma per loro ancora nessuna risposta dalla Regione Calabria che tutt’oggi non pubblica la graduatoria relativa al bando Pacchetto giovani

Risorse del Psr Calabria per quasi 58 milioni di euro finalizzati a sostenere i nuovi insediamenti che sono rimasti al palo e dei quali ancora non si conosce l’esito.

Il presidente nazionale di AIC ha dichiarato:

“In un mondo che corre veloce e che impone anche all’agricoltura di essere moderna e rispondente alle logiche del mercato

questi ritardi rischiano di avere effetti devastanti sulla capacità imprenditoriale sognata da tanti giovani.

Basta questo per dire che c’è bisogno di una inversione di tendenza radicale in un settore – ha sottolineato Santoianni – che può giocare un ruolo di primo piano nel rilancio dello sviluppo calabrese

ma rischia di essere minato dai ritardi di una burocrazia che mal si sposa con la voglia di agricoltura che cresce nelle nuove generazioni”. 

La proposta dell’Associazione italiana coltivatori è quella di istruire in maniera veloce la pubblicazione della graduatoria del bando

scaduto ormai a Gennaio 2019 Pacchetto giovani Misura 6 Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese

e Misura 4 Investimenti in immobilizzazione materiali recuperando il tempo perso e dimostrando davvero l’attenzione della Calabria a queste nuove leve del comparto agricolo.

“Bisogna puntare sui giovani che credono nell’agricoltura – ha continuato il presidente – che ne hanno fatto o vogliono farne una scelta di vita, di tutela del territorio,

di valorizzazione delle colture identitarie.

A loro bisogna tendere la mano e promuovere la capacità di fare impresa in modo innovativo e sinergico – ha concluso Santoianni – nel solco di una tradizione che oggi diventa sguardo aperto sul futuro

partendo dalle radici forti di un passato agricolo che oggi ci può far distinguere nel panorama europeo ed internazionale attraverso le nostre gemme alimentari”.

Redazione Informa

Redazione Informa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.