Federmanager Calabria: rinnovo cariche sociali, Luigi Severini è il nuovo Presidente

Federmanager Calabria: rinnovo cariche sociali, Luigi Severini è il nuovo Presidente

L’Assemblea, avvenuta in call conference, ha visto la partecipazione numerosa dei dirigenti di tutta la regione. Luigi Severini sostituirà il presidente uscente Pasquale Clericò

Si è svolta l’Assemblea ordinaria di Federmanager Calabria, l’associazione sindacale che rappresenta, sostiene e supporta i dirigenti, quadri e professional delle società che producono beni e servizi in Calabria e che a sua volta fa parte di una rete nazionale che conta 55 sedi territoriali ed una presenza a partire dal 1945.

L’Assemblea, avvenuta in call conference, ha visto la partecipazione numerosa dei dirigenti di tutta la regione e anche di coloro che si trovavano in trasferta per motivi di lavoro.

Rinnovate le cariche sociali, con l’elezione alla Presidenza di Federmanager Calabria il dr. Luigi Severini, riconosciuto da tutti i soci come il rappresentante naturale dei valori culturali e delle competenze manageriali che dovrà esprimere la categoria dirigenziale nei prossimi anni.

L’Assemblea ha inoltre eletto sette Consiglieri, nelle persone di Mario Alvaro, Rosario Branda, Giampiero Costantini, Santo Marazzita, Sabrina Mileto, Antonio Maria Mirante, Pasquale Nicotera e tre Revisori dei Conti: Angelo Platania (Presidente), Giovanni Formisano e Eugenio Sonni (supplente).

Il neo Presidente Severini afferma poi che il suo mandato sarà in continuità con il Presidente dimissionario, l’ing. Pasquale Clericò e rivolgendosi all’Assemblea ha voluto ringraziare i soci per l’importante incarico affidato e “per la stima e la fiducia che mi vengono accordate.

Intendo impegnarmi per mettere al centro la cultura manageriale – continua Severini – cultura soprattutto che si fonda sul merito, e che necessita di essere valorizzata e promossa nei giovani, soprattutto in Calabria.

Se i giovani non credono nella meritocrazia subiremo, sempre di più, gli effetti negativi determinati dalla cosiddetta fuga dei cervelli.

Come dirigente riconosco con fierezza che la nostra azione offre un contributo sociale, culturale ed economico che è sempre stato messo al servizio delle istituzioni e che oggi merita di acquisire la giusta visibilità”.

Redazione Informa

Redazione Informa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.