Calabria, caos prenotazione vaccini. La Regione ricorre a un modulo Google

Calabria, caos prenotazione vaccini. La Regione ricorre a un modulo Google
La piattaforma ufficiale non riconosce i cosiddetti “soggetti fragili” e non permette la prenotazione online. Le migliaia di richieste via e-mail, accompagnate dal modulo di inserimento nelle liste del piano vaccinale, hanno mandato in tilt il sistema. Longo ricorre a un modulo gratuito di Google

É il caos nella prenotazione online del vaccino, come si evince anche dai numerosissimi commenti e post sui social di cittadini calabresi esausti nel non riuscire nell’impresa della prenotazione, per la categoria dei “soggetti fragili”,

ovvero quei pazienti affetti da patologie serie, indicate tramite codici di esenzione dal ticket, previsti per malattie croniche e determinati livelli di invalidità.

La piattaforma di Poste Italiane, alcune volte non riconosce i codici esenzione inseriti dagli utenti che cercano di registrarsi. 

Il motivo dipenderebbe dall’anagrafica sanitaria regionale, che non è stata aggiornata a causa dell’inefficacia del sistema informativo digitale.

Di conseguenza sono state migliaia le e-mail, che da giorni arrivano al dipartimento Tutela della salute, lo stesso ufficio, che il 25 marzo aveva sollecitato chi non fosse riuscito a prenotarsi ad inviare una segnalazione compilando l’apposito modulo.

Il documento Google

Nonostante le modalità di prenotazioni siano rimaste le medesime (LEGGI L’ARTICOLO) arrivano le precisazioni del commissario ad Acta alla sanità Guido Longo, che in una nota del servizio di Comunicazione istituzionale del dipartimento Salute della Regione,

afferma che “in merito alle modalità di prenotazione del vaccino anti Covid-19, alle segnalazioni e alle richieste di informazioni ricevute nelle ultime ore da parte degli utenti,

ha reso noto alcuni chiarimenti in considerazione che sono pervenute numerose richieste alla casella di posta piattaformavaccini@regione.calabria.it

e la maggior parte di esse non risultano rientranti nelle categorie a cui era destinata,

ed in molti casi le richieste risultano non essere inviate da soggetti fragili con codice di esenzione tra quelli previsti,

tant’è che dalla verifica delle mail pervenute – prosegue la nota – si è constatato che in molti casi gli assistiti erano già abilitati alla prenotazione sul portale di Poste Italiane“.

Longo dà comunicazione agli utenti delle seguenti raccomandazioni:

  • Prima di inviare le segnalazioni verificare l’effettiva possibilità di prenotare; segnalare solo nel caso in cui la piattaforma di prenotazione dia il seguente messaggio: Attenzione i codici inseriti non sono corretti o non corrispondono a persona appartenente a categoria avente priorità nella fase corrente del piano vaccinale.
  • Accertati di non aver commesso errori di inserimento; per evitare di allungare i tempi di risposta ai pazienti fragili che continuano a riscontrare difficoltà ad accedere alla piattaforma di prenotazione è stata creata una modalità più veloce di segnalazione attraverso un FORM ONLINE – CLICCA QUI

Inoltre si precisa che tramite e-mail NON è possibile effettuare prenotazioni

ma queste possono essere effettuate solo collegandosi alla piattaforma on line al seguente indirizzo web https://prenotazioni.vaccinicovid.gov.it/cit/#/login

oppure chiamando il call center dedicato di Poste Italiane,

telefonando al numero verde 800 009 966 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 18 (escluso sabato e festivi)

Non possono essere richieste prenotazioni o inserimenti per caregiver, familiari,

conviventi di persone fragili ed altre categorie ad eccezione del personale comparto scuola

già inserito nelle liste di prenotazione di altre regioni e che si trovano nell’impossibilità di effettuare il vaccino nella regione di servizio;

non possono essere fornite informazioni non attinenti alla difficoltà di registrazione dei soggetti fragili.

Mentre per quanto riguarda il personale scolastico in servizio fuori regione la richiesta può essere inoltrata tramite il seguente FORM ONLINE – CLICCA QUI.

Redazione Informa

Redazione Informa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.