Partono le prime esperienze di oleoturismo

Partono le prime esperienze di oleoturismo

Azienda olearia Mafrica: una realtà imprenditoriale che si tramanda da padre in figlio. Tra uliveti secolari per conoscere le origini della tradizione olivicola

Quando un’azienda agricola unisce tradizione ad innovazione, con passione e professionalità, il risultato non può che essere sorprendente.

Il Movimento turismo dell’olio sostiene, promuove e mette in pratica il turismo esperienziale e, in questo settore, l’azienda olearia Mafrica, già da oltre un ventennio, è stata la prima nel nostro territorio ad ospitare gruppi di visitatori, anche stranieri, famiglie e scolaresche per far conoscere agli appassionati tutto il ciclo di raccolta delle olive e produzione dell’olio.

Ci troviamo, quindi, di fronte ad una realtà imprenditoriale in continua crescita che, forte delle proprie radici, rilancia prodotti ed esperienze del nostro territorio.

Quando si parla di turismo, la nostra mente ed ogni riflessione si incentrano sulle bellezze e sulle potenzialità inespresse della nostra terra, per poi concludere spesso che il mare è la maggiore risorsa che abbiamo per fare quindi turismo balneare.

Ma, ormai, da molti anni, specie in altre regioni d’Italia, si sono sviluppate molte altre forme di turismo, da quello montano, a quello religioso, a quello enogastronomico, per arrivare a quello esperienziale.

Specialmente con l’avvento di Internet, che oramai ci consente di programmare un viaggio virtuale e di visitare luoghi e conoscere persone senza un rapporto reale con essi, è andata aumentando la necessità di aggiungere al nostro viaggio delle sensazioni che ci riportino in maniera più profonda alle nostre origini ed al rapporto con la natura.

Insomma, più la gran parte delle nostre giornate è vissuta con viaggi virtuali con il cellulare o con gli smartphone, e più sembra aumentare in noi il bisogno di ritrovare il rapporto con la realtà, che siano esseri umani, animali, piante ed esperienze che questo possa comportare.

Il Movimento turismo dell’olio in Calabria, in occasione dell’Ulivo day, ha aperto diversi frantoi calabresi, dal Pollino allo Stretto di Messina, agli oleoturisti per far conoscere modi e metodi di coltivazione di una antica attività agricola calabrese che ha come componente primaria le piante di ulivo millenarie.

Il Movimento, nel presentare l’iniziativa, tramite un comunicato, ha voluto sottolineare che quello autunnale è il periodo migliore per fare oleoturismo perché la pianta di ulivo, dopo essere stata curata, custodita e protetta durante tutto l’anno, dà i suoi frutti.

E così, a fine ottobre, nel periodo della raccolta delle olive, anche l’azienda Mafrica di Limbadi, pioniera in questo filone, ha partecipato ancora una volta a questa iniziativa imprenditoriale, che ha avuto l’obiettivo, poi pienamente raggiunto, di coinvolgere intere famiglie, provenienti da tutta la regione, per riprendere quel contatto con la natura che spesso si interrompe.

I numerosi visitatori, nei due giorni dedicati all’iniziativa, hanno avuto la possibilità di passeggiare, fare merenda e pic nic tra gli ulivi secolari di Ottobratica, con prove dimostrative in campo con le più moderne attrezzature di raccolta. Fra le altre specie di ulivi presenti nella Tenuta Mafrica, sono state presentate anche il Ciciarello, per cui è presidio slow food, ed il Tombarello, una varietà tipica della zona oggi recuperata.

I visitatori hanno degustato l’olio, visitato il frantoio e avuto la possibilità di rivivere l’atmosfera degli “antenati”- che di questo lavoro ne hanno fatta una vera e propria arte-, arte che rivive ancora oggi nell’azienda Mafrica, condotta da Leo Muzzupappa, assieme al padre Rocco Antonio ed al fratello Giovanni, appassionati e competenti eredi .

L’essere riusciti a portare tanta gente comune, di età diversa, al diretto contatto con la terra, con i suoi frutti, con le tradizioni, aggiornate, ammodernate e riviste, ha significato una grande soddisfazione per tutto il team aziendale Mafrica e anche per gli organizzatori dell’evento in tutta la nostra regione.

Lo stesso Leo Muzzupappa si è detto compiaciuto perché tutto ciò significa, da un lato, che il consumatore è sempre più attento, dall’altro che è sempre più attratto da un tipo di turismo sostenibile ed esperienziale . Tutto questo è positivo non solo per la azienda Mafrica, ma per tutto il territorio.

L’esperienza si è conclusa con la visita all’antico borgo di Motta Filocastro e con l’apertura straordinaria del vecchio frantoio in pietra con presse in legno.

Saverio Ciccarelli

Saverio Ciccarelli

Saverio Ciccarelli, nato a Tropea nel 1962, di professione avvocato dal 1992,pretore onorario, giornalista pubblicista dal 1989. Difensore di fiducia di diversi enti pubblici. Fondatore e direttore dal 1994, del mensile La piazza di Tropea,corrispondente di Oggisud, de La Gazzetta del sud, ha scritto per Il quotidiano della Calabria e altre testate giornalistiche cartacee , direttore di testate radiofoniche locali. Autore e curatore di libri su Tropea e del saggio “Calabria positiva” . Fondatore del Premio di poesia “Tropea onde mediterranee”, cofondatore dell’Ascot , dell’Asalt, del GFT di Tropea, del Premio letterario Città di Tropea, collaboratore del Tropea film festiva nel ruolo di giurato. Ha operato nel settore del turismo per oltre trenta anni. Docente di un Corso sui beni culturali presso il Liceo classico di Tropea e di Diritto sanitario in un corso di OSS. Promotore e relatore di incontri sul turismo, sulla sanità,sull’unione dei comuni, sulla depurazione, sulle funzioni delle Pro loco, sui pericoli derivanti dalla rete , sul ruolo del giornalista, sulle cause di inquinamento , sulla raccolta differenziata, sui piani di rientro. Ha redatto proposte per la valorizzazione del patrimonio socio culturale della città di Tropea, il regolamento della Consulta delle associazioni , sulla partecipazione dei cittadini, e il disegno di legge sulla salvaguardia della rupe di Tropea. Attualmente è direttore responsabile di Informa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.