Alterazione del Cronotachigrafo Tir, nuovo sequestro della Polizia Stradale vibonese

Alterazione del Cronotachigrafo Tir, nuovo sequestro della Polizia Stradale vibonese

Dopo gli accertamenti ne è conseguito la sospensione della patente e il sequestro dell’impianto elettronico

Continuano i controlli dei veicoli pesanti destinati al trasporto professionale di merci da parte della Sezione Polizia Stradale di Vibo Valentia.

Il 5 maggio u.s., lungo l’autostrada del Mediterraneo A2/Sa-RC, gli agenti della polizia stradale vibonese hanno sottoposto a controllo un autoarticolato, accertando alcune anomalie nella lettura dei dati del cronotachigrafo digitale che richiedevano ulteriori approfondimenti.

Gli accertamenti proseguiti presso un’officina specializzata, infatti, hanno consentito di scoprire la manomissione dell’impianto elettronico di rilevazione/trasmissione dei dati all’apparecchio cronotachigrafo mediante l’installazione di un secondo dispositivo elettronico, che, attivato da un telecomando rinvenuto all’interno della cabina, alterava la velocità, i tempi di guida e quelli pausa, con elusione dei controlli.

Ne è conseguita così la sospensione della patente di guida con annessa decurtazione di 10 punti, l’irrogazione della sanzione amministrativa pecuniaria ed il sequestro dell’impianto elettronico alterante.

“Tali comportamenti, oltre a incidere sotto il profilo della concorrenza sleale nel mercato dell’autotrasporto, mettono in grave pericolo soprattutto la sicurezza della circolazione stradale”. Spiega la nota della Polizia Stradale.

I controlli della Polizia Stradale, quindi, continueranno incessanti.

Redazione Informa

Redazione Informa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.