Il programma delle manifestazioni natalizie di Zambrone


Quattro gli appuntamenti previsti per la terza edizione di Nativitas. Eventi di qualità per le ricorrenze natalizie ormai imminenti. «Il programma natalizio -recita la relativa delibera di giunta municipale- necessita di coerenza con il suo spirito; pertanto, va indirizzato verso l’aggregazione, all’insegna della concordia, della tradizione e dell’armoniosa collaborazione. Gli appuntamenti allestiti per questa terza edizione di Nativitas sono perfettamente aderenti a questa prospettiva». Ecco il calendario degli appuntamenti: l’8 dicembre, alle ore 17.30, recital di Peppe Voltarelli presso il Centro servizi sociali di Zambrone. Il noto artista calabrese, già frontman per quindici anni de “Il Parto delle Nuvole Pesanti”, band di culto della scena folk nazionale, aprirà la rassegna. Un inizio col botto che si preannuncia denso di buona musica e di originalità. Da sottolineare come nel suo repertorio siano sempre presenti le sue radici calabresi, arricchite da una teatralità tutta mediterranea. Il 22 dicembre, dalle ore 18 alle ore 20 due zampognari tradizionali (Alessio Bressi e Giuseppe Muraca) allieteranno le vie delle due frazioni, Daffinà e Daffinacello, con le classiche pastorali natalizie; note dalla timbrica significativamente rievocativa. Il 29 dicembre, nella frazione San Giovanni, spazio al divertimento dei bambini. Nel centro del paese, alle ore 16.30 verrà allestito un Parco divertimento a tema natalizio in tensostruttura. All’interno, saranno organizzati vari momenti d’intrattenimento dal forte richiamo natalizio. Il 2 gennaio, alle ore 17.30, Gran concerto eseguito dal Complesso bandistico Città di Zambrone, presso il Centro sociale di Zambrone. Al termine, lo scambio di auguri con la cittadinanza. Anche tale appuntamento è ormai diventato un classico degli eventi natalizi che coinvolge gran parte della popolazione giovanile con le rispettive famiglie. Il senso dell’armoniosa aggregazione, insomma, anima la serata conclusiva della kermesse natalizia. In sintesi, la terza edizione della rassegna Nativitas si segnala per la programmazione di stile e qualità dal forte richiamo tradizionale.

Autore dell'articolo: Corrado L'Andolina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.