Basta cinghiali che devastano le colture agricole

Comitato per la difesa della dignità dell’agricoltura nei territori di Maierato, Sant’Onofrio, Stefanaconi, Filogaso e Pizzo.

Fateci seminare!!! Subito politiche sostenibili di gestione della fauna selvatica.


Siamo in estate e ci troviamo ancora una volta a contare i danni dovuti alla presenza devastante dei cinghiali nelle nostre aree agricole (che non sono vocate alla riproduzione ed al mantenimento della specie). Siamo ormai al punto di non poter più seminare i nostri terreni, con le principali colture in grado di assicurare la vitalità economica delle nostre aziende.
L’invasione dei cinghiali rappresenta anche fattore di franosità ed alla instabilità dei terreni, con gravi danni per intere zone rurali già alle prese con l’abbandono del territorio ed eventi climatici estremi. Per non parlare inoltre dei rischi sulla salute degli allevamenti domestici e degli abitanti dovuti alle malattie che possono essere trasmesse dalla specie selvatica (Mycobacterium, sspp. M. avium, avium complex, bovis o tuberculosis complex.
La drammatica situazione che si è determinata è il frutto di una dissennata pianificazione e gestione del territorio rurale e montano, che ha portato all’immissione ai fini venatori di animali provenienti dall’incrocio di diversi ceppi, estranei alle caratteristiche ambientali e naturali dello stesso.
Il risarcimento dei danni causati dai cinghiali alle imprese agricole, che è un diritto stabilito dalle leggi, è spesso oggetto di miserevoli lungaggini burocratiche.
In questi giorni l’Ambito Territoriale di Caccia di Vibo Valentia ha chiesto agli agricoltori colpiti dai danni il pagamento di 50 euro per istruzione della domanda di risarcimento. La Regione chiede soldi a chi è danneggiato!!!! E’ un’ulteriore umiliazione dell’onesto lavoro degli agricoltori.
Per non parlare delle ultime determinazioni da parte del Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria, che ha assoggettato i risarcimenti dei danni al “regime di de minimis”, vigente per l’erogazione di fondi destinati allo sviluppo delle aziende, limitando così le risorse a disposizione. Ecco come ancora una volta si vogliono umiliare gli agricoltori!
Da anni denunciamo questa drammatica situazione. Ma (nonostante articoli di stampa, promesse e rassicurazioni dei responsabili) il tempo passa senza alcun intervento davvero risolutivo.
E’ venuta meno l’umana considerazione verso chi opera faticosamente nei campi, non solo per il mantenimento della propria famiglia, ma anche a vantaggio del contesto ambientale e locale a cui appartiene.

In questa situazione non riusciamo più a sapere cosa seminare nei nostri terreni!!!!!
Non possiamo più aspettare e per questo scendiamo in lotta per la tutela del nostro lavoro e del territorio a cui apparteniamo.
Venerdì 31 agosto ore 20,30 Piazza Cavour Maierato (VV).
Manifestazione di protesta e di proposta.

Il Comitato, in primo luogo, chiede l’azzeramento della popolazione dei cinghiali nelle aree agricole non vocate. A tal fine rivendica nei confronti della Regione Calabria le seguenti richieste:
a) attivazione di un programma di cattura comprensoriale con apposite trappole degli animali, da destinare all’allevamento biologico ed amatoriale, previa supervisione degli istituti dell’ISPRA (e degli istituti scientifici che si vogliono coinvolgere) e delle Autorità Sanitarie competenti in materia di igiene e salute pubblica. Il programma di cattura deve prevedere per il posizionamento e il controllo delle trappole il ruolo attivo degli agricoltori, gli unici a poter assicurare la conoscenza ed il presidio costante del territorio;
b) autorizzazione agli agricoltori ad utilizzare squadre di cani addestrati per il disturbo e l’allontanamento dei cinghiali dalle colture, nei momenti critici della coltivazione;
c) autorizzazione alla caccia singola al cinghiale sui propri terreni, da parte degli agricoltori e dei propri coadiuvanti aziendali già in possesso di caccia o porto di armi;
d) incremento dei selettori singoli e snellimento delle procedure burocratiche, con la loro autorizzazione su base annuale (facendo salvi i periodi critici per la specie);
e) aumento dei giorni di caccia delle squadre di cacciatori autorizzate;
f) restringimento dei comprensori di caccia e rotazione annuale delle squadre di caccia al cinghiale;
g) snellimento delle procedure burocratiche relative al pagamento degli indennizzi dei danni alle colture causati da cinghiale, con previsione di tempi certi e celeri per l’accertamento degli stessi e la liquidazione delle spettanze;
h) annullamento di ogni richiesta di contribuzione economica per l’istruttoria delle domande di danno;
i) esclusione dal “regime di de minimis” dei risarcimenti dei danni da cinghiale;
j) accertamento della presenza della tubercolosi diffusa dai cinghiali e predisposizione di un piano di prevenzione e di intervento, a tutela della salute degli allevamenti e degli abitanti.

Il “Comitato per la difesa della dignità dell’agricoltura” su questi punti intraprenderà ogni azione di lotta e di difesa dei diritti dei propri associati.

I Coordinatori del Comitato
Greco Antonello (340-084482) e Fortunato Pezzo (3423773449)

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
www.periodicoinforma.it - supplemento online al periodico bimestrale Informa (Autorizzazione del Tribunale di Vibo Valentia n. 1/18 del 20/02/2018 e ISSN 2420-8280). Contattaci scrivendo a redazione@periodicoinforma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.