L’atletica San Costantino alla StraLugano in Svizzera

Una grande festa dello sport quella di sabato 26 e domenica 27 maggio 2018 a Lugano, non importa l’età, non importa essere longilinei o appesantiti, Lugano si è trasformata per un giorno la cornice di una delle manifestazioni più colorate e partecipate dell’anno con 50 mila partecipanti in una giornata decisamente estiva con un insolito caldo sole e con alte temperature. Si è concluso facendo registrare un nuovo record la 13esima edizione della StraLugano. La manifestazione ha infatti registrato quest’anno ben 5’402 partecipanti iscritti solo alla 21 km. Il folto pubblico accorso ha potuto pure godere di un autentico spettacolo, rigorosamente col naso all’insù. Nei cieli luganesi si sono infatti esibiti gli aerei del PC7-TEAM, che hanno regalato acrobazie mozzafiato, apprezzate anche dalle numerose imbarcazioni presenti nel golfo.
E anche questa volta tra i quasi seimila partecipanti presenti in piazza Castello c’erano anche loro, gli indomiti atleti venuti dalla Calabria tesserati con l’ Atletica San Costantino Calabro, Rosario Rotolo che nella gara dei 10 km ha collezionato ancora una volta una preziosa prestazione tagliando il traguardo con il tempo di 49 minuti e 26 secondi, Giuseppe Cusumano con il tempo di 46.13 taglia il traguardo rientrando nella classifica Top 100; Nella mezza maratona Francesco Grande 1h,36.30 , Giovanni Cozza D’Onofrio 2h,20.12 e Tommaso Fortuna che pur essendo arrivato al km undicesimo con un buon tempo a causa di un malore improvviso non ha potuto tagliare il traguardo. Un appuntamento quello della StraLugano pianificato e preparato con grande impegno da parte degli atleti di San Costantino Calabro i quali al termine di una prestazione esaltante appaiono visibilmente soddisfatti per aver tagliato il traguardo dopo una entusiasmante prestazione in ragguardevoli e ottimi tempi. Applausi e riconoscenza va a questi atleti che con le loro prestazione rendono onore e prestigio all’ Atletica San Costantino Calabro e a tutta l’ atletica Calabrese. La preparazione anche in questa occasione ha giocato un ruolo importante e loro ne sono la testimonianza vivente di come con l’ impegno e la determinazione si possono raggiungere ottimi risultati. La corsa come metafora della vita, dove non è importante arrivare per primi, ma arrivare, superando i propri limiti e ogni difficoltà. Basta crederci.
La corsa Insegna a raggiungere traguardi che pensi non siano alla tua portata, ma che con impegno e dedizione puoi riuscire a raggiungere. Considerare la corsa come una “metafora della vita” e permette con convinzione di applicare lo stesso modello di impegno e dedizione anche al lavoro, sia definendo obiettivi di crescita e sia ad impegnarsi per raggiungerli costantemente.
Ma come testimonia il successo per la corsa, praticare sport all’aria aperta significa rinnovare il legame con il nostro territorio, con i luoghi in cui viviamo e con l’ambiente che ci circonda, significa aderire ad uno stile di vita sano ed equilibrato.

Autore dell'articolo: Raffaele Mancuso

Raffaele Mancuso
Membro delle forze dell'ordine nella Polizia di Stato, è fondatore e attuale presidente dell'associazione sportiva dilettantistica Atletica San Costantino calabro. Ha scritto articoli di vario genere per siti internet. Si occupa di sport, tradizioni ed eventi locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.