L’umile parola della Poesia trionfa a Tropea

Conclusa la XVI edizione del Premio Internazionale di Poesia “Tropea: Onde Mediterranee”

Si è appena conclusa, con la premiazione dei poeti vincitori, nella splendida e suggestiva Chiesa di Santa Chiara in Tropea, la XVI edizione del Premio Internazionale di Poesia “Tropea: Onde Mediterranee”.
La Commissione Esaminatrice, costituita da: dott. Gaetano Antonio Bursese – già presidente di Sezione della Corte Suprema di Cassazione – presidente; dott. Giuseppe Meligrana – editore – segretario s.d.v.; dott. Bruno Cimino – giornalista, scrittore, critico letterario; dott. Fortunato Costa – dottore, scrittore, pittore; prof.ssa m° Sharon Tomaselli – insegnante scuola secondaria di 1° grado, musicista; ins. Maria Elena Garrì – insegnante scuola primaria, ha lavorato con molta serietà, obiettività e competenza, senza interferenze di alcun genere, rispettando i tempi e le modalità assegnati, sulle numerose liriche ed opere iscritte al Concorso che sono risultate di altissimo livello artistico confermando ancora una volta l’elevata qualità della poesia di oggi che, senza tradire le linee del passato, ricerca strade nuove d’espressione e di comunicazione. Dal presidente, dai singoli componenti, dagli assessori, dal vice sindaco, e dalla dirigente dell’Istituto Comprensivo Statale “Murmura” di Vibo Valentia sono stati consegnati i premi ai seguenti:


Poeti vincitori e finalisti
delle diverse sezioni in cui si articola il Premio (titolo dell’opera, posizione conseguita, nome dell’autore, luogo di provenienza, motivazione):

Onda 1^ – settore A – Alunni scuola elementare

Al nonno che mi manca – 1° posto – Giulia De Lorenzo – Vibo Valentia – VV
Nella semplicità e linearità dell’espressione l’autrice esprime profondi sentimenti di affetto verso una persona a lei molto cara, il nonno, utilizzando al meglio il linguaggio poetico.

La plastica – 2° posto – Francesco La Torre – Tropea – VV
L’autore con molta sensibilità, in una poesia ben strutturata nel verso e nell’utilizzo della parola, riflette in modo agile e scorrevole su un problema di estrema attualità: l’inquinamento.

Il bullo – 3° posto – Riccardo La Gamba – Vibo Valentia – VV
L’autore utilizza un linguaggio semplice e lineare per realizzare una composizione poetica di piacevole lettura, dove denuncia il fenomeno del bullismo molto diffuso soprattutto nel mondo giovanile.

L’inquinamento – 4° posto – di Marianna Stumpo – Tropea – VV
Il papà – 5° posto – di Clara Maiolo – Vibo Valentia – VV

Onda 1^ – settore B – Alunni scuola media inferiore

Avrei voluto vivere – 1° posto – Ilaria Purita – Vibo Valentia – VV
L’autrice in una composizione ben strutturata e carica di sentimenti ed emozioni ricorda tutti i bambini vittime innocenti della malvagità umana dimostrando personale sensibilità e buone capacità poetiche.

Dodò – 2° posto – Giuseppe Sirianni – Vibo Valentia – VV
Facendo riferimento ad un episodio di crudele violenza, l’autore esprime indignazione e sgomento e ci invita a riflettere sul valore della vita e della legalità in una poesia agile nella versificazione.

La pioggia – 3° posto – Elena Sterlina – Santa Domenica di Ricadi – VV
Con parole semplici e ritmate l’autrice dipinge un quadretto di primaverile bellezza quasi attingendo alla tavolozza di un pittore esaltando con tinte delicate immagini, suoni e colori.

Per il piccolo Dodò – 4° posto – Chiara Matera e Giuseppe Barbuto – Vibo Valentia – VV
Per Giovanni e Francesca Gabriele – 5° posto – Alessia Navarra – Vibo Valentia – VV

Onda 1^ – settore C – Alunni scuola media superiore

Ninna Nanna – 1° posto – Biancamaria Castagna – Vibo Valentia – VV
L’autrice, in una composizione completa e complessa per significati e contenuti, si interroga sulla gravità di un problema mai risolto che pesa sull’intera umanità: la guerra, ponendo l’accento, con lirica passionalità, sulle atrocità e sofferenze che essa procura.

Cuore di terra – 2° posto – Maria Rosa Pellicanò – Reggio Calabria – RC
L’autrice, in una composizione ben strutturata, con un linguaggio scorrevole, lineare e completo, mette in risalto sentimenti ed emozioni legandoli ai ricordi pulsanti come il cuore, radicati nel proprio essere e nella terra d’origine.

Che viaggio – 3° posto – Chiara Costabile – Cosenza – Cs
Poesia di ottima fattura, dove l’autrice, in un turbinio di parole ben sistemate nel verso agile,e dinamico ed elegante, sembra essere trascinata in una fuga accelerata senza meta, senza sosta.

Molti dimenticano – 4° posto – Nicola Chilelli – Carolei – Cs
Stella gialla – 5° posto – Pietro Mancini – Cosenza – Cs

Onda 2^ – Poesia adulti

Il tramonto in attesa della sera – 1° posto – Sara Rodolao – Albenga – Sv
Il tramonto di una persona cara, a cui non si può dare aiuto, tocca sempre il cuore di chi le sta vicino. La poetessa dà la misura dell’immensa commozione che la sommerge in una composizione perfetta nella versificazione con un dosaggio calibrato della parola e della sua precisa collocazione.

Fino all’ultima ora – 2° posto – Vincenza De Ruvo – Banchette – To
La poetessa, ritornando sui passi dei ricordi, con forte passione eleva un meraviglioso canto d’amore che parte dalle mani unite in un intenso sentimento e invade animo e corpo di chi si ama, in una trasmissione di sensazioni che toccano il sublime in una attenta e calibrata versificazione.

L’onda e il mare di Noi – 3° posto – Cinzia Manetti – Poggibonsi – Si
In una composizione breve, intensa, incisiva, la poetessa esprime con grande maestria la sostanza intima dei propri sentimenti in una trasfusione totale che, partendo da un semplice paragone, porta all’universale utilizzando lo strumento poetico per eccellenza, cioè la parola.

Nei tramonti – 4° posto – Sabrina Galli – San Benedetto del Tronto – AP
Non so ancora come amarti – 5° posto – Lucia Lo Bianco Palermo – Pa

Onda 3^ – Poesia in vernacolo

Lu vecchiu c’aspittava – 1° posto – Cinzia Pitingaro – Castelbuono – Pa
L’autrice, in questa poesia ben equilibrata e con una versificazione opportunamente a rima alternata, sviluppa in crescendo di commozione un tema rimosso dall’odierna società del benessere e dei consumi affrettati: la vecchiaia, che viene privata finanche di una carezza prima della fine.

Addo’ sta’ ddio? – 2° posto – Fausto Marseglia – Marano di Napoli – Na
L’autore, in una poesia ben strutturata in sette quartine con versi a rima alternata, sembrerebbe cedere ad uno sconforto iniziale dovuto ai molteplici mali dominanti nella società attuale per ritrovare fiducia e speranza nella vita che è stata data in grazia di Dio.

Òter tèmp – 3° posto – Pierino Pini – Montichiari – Bs
I ricordi di un tempo passato nelle sofferenze e nella miseria irrompono in questa poesia che, nelle sue quartine ben delimitate nella specificità dei temi e nell’uso sapiente della lingua natìa, ci offre una visione quasi nostalgica del vivere quotidiano di una volta caratterizzato dal niente dominato dall’affetto, dalla gioia, dall’amore.

Er filosofo – 4° posto – Annalisa De Carolis – Fiumicino – Rm
A cabina – 5° posto – Giulia Di Pietro – Vibo Valentia – VV

Onda 4^ – Poesia edita

Donna del mare – 1° posto – Franco Casadei – Cesena – FC
In concisione di immagini la parola si intaglia sulla pagina e la incide con profondità di sentimenti che si librano con leggerezza di forma poetica in un’opera che va oltre l’immediato e il particolare nella perfezione della forma poetica di ogni componimento.

Venere bugiarda – 2° posto – Carmelina Petullà – Lamezia Terme – Cz
Scultura e poesia si incontrano in armonioso connubio nelle pagine patinate di questa opera che vede unite insieme due arti differenti nella loro diversità e nella specifica realizzazione: la modernità delle forme scultoree e la classicità della forma poetica, entrambe portate in giusto equilibrio alla perfezione artistica.

Terra d’eterno incanto – 3° posto – Domenica Milena Arcuri Rossi – Lestizza – Ud
È un soffio poetico che ci spinge ad attraversare per intero questo libricino, dove con luminosità d’immagini, con chiarezza di parola, la poetessa eleva un canto d’amore alle bellezze naturali della nostra cara terra di Calabria vista nell’incantesimo dei suoi paesaggi descritti con perfezione stilistica e dinamicità di verso.

Immagine – 4° posto – Stella Gallelli – Montepaone – Cz
Il giocoliere – 5° posto – Maria Cristina Romano – Roma – Rm

Onda 5^ – Poesia d’Europa e del Mondo

A dear memory – 1° posto – Maria Vittoria Massimo – Montrèal – Québec – Canada
In una valigia di cartone ci sono rinchiusi sentimenti ed emozioni della poetessa che si concretizzano in lacrime e in ricordi del tempo del distacco fra un prima e un dopo, fra un io e un loro, fra la terra d’origine e la terra d’adozione, fra la figlia e i genitori, fra la propria lingua e un’altra lingua: è questa l’emigrazione. Ma c’è l’amore.

Zemjo moja – 2° posto – Tatjana Crnevska – Levico Terme – Tn
C’è pianto e c’è tristezza in questa poesia che apre uno squarcio nella storia di un recente passato insanguinato da odi e risentimenti di genti contro genti, e c’è amore per la propria terra ormai lontana, mai dimenticata, cantata dalla poetessa in tutta la sua bellezza naturale con placido suono di parola.

Andalucìa en el corazòn – 3° posto – Giuseppe Durante – Vibo Valentia – VV
Sono ricordi, sono emozioni che ci travolgono nella bellezza dei versi di questa poesia che apre uno spazio colorato da fiori ai balconi, addolcito dai suoni di nacchere e canzoni, dove su tutto aleggia un intenso sentimento d’amore espresso con dinamicità di parola che trascina e porta via come incantevole e veloce ballerina.

Becoming – 4° posto – Elena Micali – Santa Domenica di Ricadi – VV
Dancer – 5° posto – Davide Caputa – Genova – Ge

Onda 6^ – Poesia di Tropea e dei Casali

È Natali – 1° posto – Maurizio Pantano – Ricadi – VV
Caratteristica di questa poesia è la musicalità esaltata dalla dinamicità e scorrevolezza del verso, che all’occasione utilizza la rima baciata, l’assonanza, la rima interna, avvicinandola ad una nenia di pascoliana memoria intervallata dal ricorrente ritornello. L’autore utilizza molto bene la lingua parlata per dare più colore alle immagini e alla parola.

La voce dell’anima – 2° posto – Dalida Fusco – Gasponi di Drapia – VV
L’autrice guarda nel suo intimo, vorrebbe librarsi in volo come una farfalla nel cielo chiaro e colorato, ma è ancorata alla realtà materiale che le impedisce di andare verso la luce, verso il sole, verso l’amore. E allora canta, canta con musicalità di parole che sono sentimenti ed emozioni.

A Pascali Galluppi – 3° posto – Michele Celano – Gasponi di Drapia – VV
I monumenti nelle piazze cittadine segnano i momenti della storia e della gloria, della cultura e del sapere. L’autore guarda il monumento del grande filosofo tropeano, raffigurato solo nel busto, come a simboleggiare la grandezza del pensiero, ammira e riflette sull’evanescenza della vita odierna priva di punti fermi e di valori duraturi. Amare riflessioni con parole dettate dal cuore.

’I ‘dduvi siti, i ‘dduvi veniti – 4° posto – Francesco Fiamingo – Zungri – VV
Nostalgia – 5° posto – Olimpia De Vita – Tropea – VV

A conclusione della manifestazione, egregiamente condotta da Geraldyne Caracciolo e Marcella Davola, durante la quale dai bravi lettori Renato Albanese, attore, Adele Rombolà, attrice, e Maurizio Pantano, sono state declamate con passione le poesie vincitrici su musiche scelte da Maria Elena Garrì che ha fatto scorrere immagini del passato, dal presidente dell’Associazione, prof. Pasquale De Luca, scrittore e poeta, è stato consegnato un attestato di benemerenza al m° Michelangelo Gallipoli, intagliatore e incisore, “per le eccellenti qualità artistiche, per l’unicità del suo lavoro, per la sua passione e per il suo talento che gli permettono di creare nel legno, informe e grezzo, vere opere d’arte da apprezzare e da ammirare”.
Ospite d’onore è stata la poetessa Miriam Jaskierowicz Arman, rinomata pedagoga vocale mondiale, artista di multiforme ingegno, alla quale dal vice sindaco, avv. Roberto Scalfari, è stata data una targa ricordo, con attestato, in segno di gratitudine per essere stata nella nostra città onorandola con la sua presenza e con la parola.


L’intera manifestazione, con numeroso pubblico attento e qualificato, in una sala affollatissima, è stata allietata dai colori degli artisti di Calabria, affermati pittori (Gaetano Antonio Bursese – Franco Naccari – Pasquale Pandullo – Giusy Staropoli – Miriam Jaskierowicz Arman – Silvana Dell’Ordine – Michelangelo Gallipoli – Carmelo Lebrino), i quali hanno esposto i loro dipinti, e dai piacevoli interludi eseguiti dal Gruppo Artistico Musicale “Multitasking” formato dagli alunni dell’Istituto Comprensivo Statale “Murmura” di Vibo Valentia egregiamente diretti dalla prof.ssa Giusy Staropoli molto apprezzati dal pubblico.

Un ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione, ai giornalisti presenti in sala che seguono l’evento con affetto, ai poeti che da ogni regione d’Italia partecipano sempre più numerosi, all’ins. Maria Elena Garrì che ha dedicato tanto tempo e molte energie e a Mimmo Mantino che ha vivacizzato i vari passaggi della serata con proiezioni, luci e suoni. In attesa della prossima edizione, la diciassettesima!
Notizie sul Premio sono reperibili sul sito ufficiale: www.tropeaondemediterranee.it; su fb Premio Poesia Tropea; su gf Tropea: Onde Mediterranee; per informazioni ci si può rivolgere al Presidente, prof. Pasquale De Luca contrada Gornella n. 6 – 89861 Tropea (VV), tel. 0963.666344 – (+39)329.7094134 – (+39)338.6157041; info@tropeaondemediterranee.it

Autore dell'articolo: Lucio Ruffa

Lucio Ruffa
Direttore responsabile della testata online di periodicoinforma.it ha il suo blog personale dedicato alla citta' di Tropea consultabile in rete all'indirizzo www.tropeaperamore.eu Per tre anni Assessore alla Cultura della propria citta' lo appassionano la musica classica che insegna ai ragazzi dell'IC di Tropea e la bellezza della vita. Svolge attivita' amatoriale di informazione sul territorio della Costa degli Dei per pura passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.