Concorso Nazionale Change Yourself and Ciak

 Martina Tavella della scuola primaria di Tropea si aggiudica il premio per il miglior disegno dal titolo “Intrecciamoci”

“Intrecciamoci” di Martina Tavella

 

 

Il 31 Maggio 2019, si è tenuta, presso la scuola primaria “Don F. Mottola” di Tropea, la premiazione del concorso nazionale “Change yourself and ciak”, organizzato annualmente dalla Croce Rossa Italiana, in collaborazione con il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (Miur), giunta alla sua VII edizione. Il concorso, tratta di tematiche inerenti l’educazione ambientale ed il tema annuale era “Chi semina un albero, semina il futuro”.

I giovani della Croce Rossa, sede di Tropea, facente parte del comitato di Vibo Valentia, si sono recati nella scuola primaria tropeana, per far conoscere il concorso e attraverso dei giochi, delle attività e la visione di un filmato, far capire l’importanza degli alberi e trattare altri temi come l’effetto serra, il disboscamento e le possibili soluzioni per un mondo migliore, facendo riferimento a verbi importanti quali: riciclare, riusare e ridurre. I bambini, poi, grazie all’aiuto delle maestre, hanno elaborato e creato i loro disegni ispirandosi alle attività, ai valori ed ai concetti da loro appresi e inviandoli alla sede centrale CRI di Roma, attendendo i risultati.

Tra 600 partecipanti provenienti da ogni regione, la vincitrice, Martina Tavella, si trova proprio nella V classe dell’istituto di Tropea. In realtà non è la prima vittoria di questo concorso per la ridente cittadina, che già si era distinta negli anni scolastici 2014-15 e 2015-16, vincendo con un disegno della scuola primaria sovrascritta e con un video creato dalla scuola secondaria di primo grado.

La premiazione si è svolta alla presenza di tutte le classi partecipanti all’attività, tutti i bambini che hanno inviato i disegni per il concorso, le maestre, la preside Giuseppina Prostamo, la presidente del comitato di Croce Rossa di Vibo Valentia, Caterina Muggeri, e le volontarie facente parte di questo.

Per prima, ha preso parola la preside, congratulandosi con le maestre e i bambini partecipanti, e facendo capire l’importanza della scuola, non soltanto per l’istruzione didattica prestabilita ma anche per quella straordinaria, ma necessaria ad una vita ricca di senso civico e di rispetto per l’ambiente e le persone che ci circondano.

Ha preso poi parola, la signora Caterina Muggeri, insignita lo scorso anno del titolo di Cavaliere della Repubblica Italiana, che ha ricordato che la Croce Rossa non è soltanto ambulanza e soccorso, come molti pensano, ma è molto altro, poiché svolge le sue attività in moltissimi campi, tra cui quello della prevenzione.

Congratulandosi con alcuni bambini che indossavano l’uniforme, ha tenuto a sottolineare come questa, già per i volontari stessi, possa avere un grande significato quale l’uguaglianza tra tutti, e sicuramente il fatto di indossarla già da piccoli non è solo sintomo di rispetto ed ordine ma può andare ben oltre questo. Ha preso poi parola una volontaria CRI, la geologa Rosanna Locane, che oltre a congratularsi e ad essere contenta che le lezioni precedenti avevano dato il loro frutto ed il messaggio era passato, ci ha tenuto a riflettere su alcuni giochi fatti durante l’attività per poter mettere al centro del dibattito l’importanza dell’unione e di fare rete.

La vincitrice, Martina Tavella, con il suo bellissimo disegno “Intrecciamoci”, è stata premiata con un caricatore ad energia solare, un’agenda della Croce Rossa, l’attestato e una spilla. Questi ultimi citati, sono stati distribuiti anche a tutti i partecipanti. La maestra, Domenica, ci ha tenuto a dire che per la sua classe ha voluto creare fin da inizio scolastico un lavoro di gruppo, incentrando il tutto sull’importanza dell’ essere uniti e che il disegno vincitore porta il nome di una bambina ma in realtà nasconde il lavoro di tutti.

Autore dell'articolo: Teresa Pontoriero

Avatar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.