IL TRENTESIMO “LE CITTA’ DI BERTO” SI TINGE DI ROSA: LA VITTORIA A TRE STUDENTESSE

Proclamati ieri (venerdì 24 maggio) a Mogliano i vincitori scelti tra gli oltre 140 elaborati (+40% sul 2018) degli studenti delle scuole superiori delle province di Treviso, Venezia, Vibo Valentia e da quest’anno Catanzaro


Finale in rosa per la trentesima edizione del premio di scrittura riservato a studenti di Istituti superiori delle province di Treviso, Venezia, Vibo Valentia e da quest’anno anche Catanzaro, con il primo premio delle tre sezioni, Poesia, Racconto breve e Racconto lungo appannaggio di tre studentesse, proclamate vincitrici nel corso della cerimonia finale svoltasi ieri (venerdì 24 maggio) a Mogliano Veneto, nell’aula magna Bertapelle del Liceo Berto. Presente alla cerimonia anche la figlia di Giuseppe Berto, Antonia.

Le vincitrici sono, per la sezione Poesia, Rebecca Boati, 3A del Liceo “G. Marconi” di Conegliano (TV), con “Opera Nazionale Barilla”, per il Racconto breve Giorgia Zanatta, 3D del Liceo Classico “A. Canova” di Treviso, con “Shhh…”, e per il Racconto lungo Elisabetta Cavallin, 4AC del Liceo Statale “G. Berto” di Mogliano Veneto, con “Il viso”.

 

Le ha scelte, tra gli oltre 140 partecipanti (+40% sul 2018), la Giuria, presieduta da Emilio Lippi, Direttore delle Biblioteche e dei Musei di Treviso, e formata da Patrizio Rigobon, docente di Catalano all’Università Ca’ Foscari, Luciana Ermini, direttrice dell’Eco di Mogliano e dai docenti Diego Bottacin, docente di Lettere presso la Sc. Media Minerbi ed ex-sindaco di Mogliano, Elisa Tetamo, Alessandra Visentin e Stefano Stringini (membri interni). Segretaria del premio è la professoressa Gabriella Ferman.

Sono stati anche assegnati per ciascuna sezione i secondi e terzi posti ed una segnalazione.

Per la Poesia secondo classificato è Francesco Bredariol, 2 B del Liceo Scientifico “L. da Vinci” di Treviso, con “Notte sul Garda”, terzo Cesare Bulegato, 4AL dell’Istituto Tecnico Industriale “Max Planck” di Lancenigo (TV), con “Come”, mentre la segnalazione è andata a  Elisabetta Cavallin, 4AC del Liceo Statale “G. Berto” di Mogliano Veneto, con “Essere dorata“.

Per il Racconto breve, secondo è Daniele Mazzon, 4BA del Liceo Statale “G. Berto” di Mogliano Veneto, con “Dieci”, terzo Andrea Grillo, 5C del Liceo Scientifico “G. Berto” di Vibo Valentia (VV), con “Log in”, con la segnalazione a Domenico De Vita, 2C del Liceo Scientifico  “G.Galilei” di  Lamezia Terme (CZ), con “Sono ancora qui”.

Infine, per il Racconto lungo, il podio vede al secondo posto Gabriella Rosato, 3D del Liceo Statale “T. Campanella”- Lamezia Terme (CZ), con “All’ombra del platano”, al terzo, Cesare Bulegato, dell’Istituto Tecnico Industriale “Max Planck” di Lancenigo (TV), con “Il cancello”, e la segnalazione è andata a Rebecca Boati, 3° del Liceo “G. Marconi” di Conegliano (TV), con “Il gioco delle sedie“.

Gli autori delle prime tre opere classificate di tutte le sezioni hanno ricevuto un premio in denaro (400 euro al primo, 250 al secondo e 150 al terzo). Inoltre, i vincitori della sezione “Racconto lungo” parteciperanno alla selezione del prossimo Concorso Campiello Giovani.

Tra le particolarità di questa trentesima edizione, oltre all’apertura del Premio anche agli studenti della provincia di Catanzaro, per rinsaldare e rinvigorire il rapporto culturale tra Veneto e Calabria, regioni cui è legata la vita di Giuseppe Berto, sono il ragguardevole aumento della partecipazione, la qualità degli scritti valutata dalla Giuria e l’exploit dello studente Cesare Bulegato, dell’Istituto Tecnico Industriale “Max Planck” di Lancenigo (TV) classificatosi terzo nelle sezioni Poesia e Racconto lungo, dopo aver ricevuto una segnalazione per la Poesia nell’edizione 2018 del Premio. Elisabetta Cavallin, che con il racconto lungo è stata semifinalista anche al Campiello Giovani del 2017, e Rebecca Boati, prime rispettivamente nel racconto lungo e nella poesia, hanno partecipato su più sezioni ed entrambe sono state finaliste anche nelle due edizioni precedenti. Non sono riusciti ad essere presenti per ritirare il premio sia Elisabetta Cavallin, perché sta frequentando l’anno all’estero, ma con lei è stato fatto un collegamento Skype, e Cesare Bulegato, in viaggio di istruzione con la sua scuola, che ha inviato brevi video con cui ha spiegato i suoi elaborati.

Positiva la partecipazione degli studenti calabresi, presenti alla cerimonia con i dirigenti dei rispettivi istituti, con due podi e una segnalazione.

 Sulla spinta della passione per la scrittura che anima gli studenti e che di anno in anno dà prova di sé, il Premio è promosso dal Liceo Statale Berto di Mogliano Veneto, con il patrocinio del Liceo Berto di Vibo Valentia, dell’Associazione culturale Giuseppe Berto, della Provincia di Treviso, del Comune di Mogliano Veneto, con il sostegno del Lions Club di Mogliano Veneto, della Giesse Macchine di Villorba e di Intesa Sanpaolo.

 

Autore dell'articolo: Lucio Ruffa

Lucio Ruffa
Direttore responsabile della testata online di periodicoinforma.it ha il suo blog personale dedicato alla citta' di Tropea consultabile in rete all'indirizzo www.tropeaperamore.eu Per tre anni Assessore alla Cultura della propria citta' lo appassionano la musica classica che insegna ai ragazzi dell'IC di Tropea e la bellezza della vita. Svolge attivita' amatoriale di informazione sul territorio della Costa degli Dei per pura passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.