Il sentiero Mare-Monti promosso dal Club Alpino Italiano

Proposta di intitolare il percorso a Fra Carmelo Falduti

di Ambrogio Scaramozzino

Una straordinaria partecipazione, circa 250 persone, quella di domenica 31 marzo all’inaugurazione del percorso escursionistico CAI Club alpino Italiano trekking “Mare Monti” n. 715. 

L’evento, fortemente voluto dall’amministrazione comunale, è stato organizzato dalla associazione Fiab San Costantino Calabro “Bicinsieme Paesaggi in Movimento”, dal volontario Sisto Burzì, con la collaborazione del CAI sezione di Catanzaro, e ha visto la partecipazione di circa 250 persone, non solo appassionati del trekking e dell’escursionismo ma anche semplici appassionati della natura provenienti da tutta la Calabria.

La giornata è iniziata sul lungomare con il taglio del nastro alla presenza del sindaco Carmelo Mazza, del presidente del consiglio Florinda Albino, l’assessore Giovanni Preiti e dal presidente del CAI di Catanzaro Gabriele Fera.

Tra i partecipanti, da segnalare il gruppo trekking di Taurianova, guidati da Corrado Mileto, il gruppo di Palmi, lo stesso gruppo Cai di Catanzaro, gli Amici della montagna di Cosenza, guidati da Carmine Sproviero e Annalisa Rotella, oltre alla collaborazione del gruppo volontari “Agri ambiente”, che hanno presidiato l’intero percorso dando assistenza agli escursionisti.

Il pregevole percorso naturalistico, della lunghezza di circa 11 km (andata e ritorno), parte dal lungomare di Joppolo, composto da una scogliera a tratti impervia e mutevole, dominata da una torre di avvistamento edificata intorno al XV secolo, e prevede l’arrivo in montagna, nella frazione Monte Poro dove sorge, tra pini e castagni, il santuario della Madonna del Carmelo. Il sentiero, suggestivo anche per l’attraversamento di due antichi borghi (Joppolo e Caroniti), caratterizzati da stradine realizzate in pietra granitica del luogo, risulta essere interamente panoramico in quanto permette di ammirare il golfo di Gioia Tauro con il suo porto, lo Stretto di Messina, l’Etna, lo Stromboli e le altre isole Eolie.

Il serpentone umano, dopo la registrazione, si è inerpicato attraverso il sentiero naturalistico Mare-Monti, che dal lungomare arriva nella frazione Monte Poro a 710 metri sul livello del mare. La prima sosta è stata nella piazza principale di Joppolo ed è proseguita fino a raggiungere la piccola frazione di Caroniti per poi raggiungere Monte Poro dove sorge il Santuario della Madonna del Carmelo.

Qui dopo le fatiche della bella e intensa escursione, tra la natura, i partecipanti hanno avuto la possibilità di degustare i prodotti della tradizione gastronomica locale con tanto di torta celebrativa dell’evento. Gli escursionisti hanno apprezzato i due punti panoramici mozzafiato quali quello definito “Affaccio Calafatoni” e “Bellavista Caroniti” oltre all’altra caratteristica peculiare del sentiero, ossia la presenza di ben cinque fontane pubbliche tutte alimentate da sorgenti naturali distribuite lungo l’intero percorso, e i tanti tipici muretti a secco di antica arte contadina. Un percorso, hanno commentato gli addetti ai lavori, che unisce le caratteristiche più belle della Calabria: il mare Tirreno, ricco di cultura e di storia, e il Monte Poro con le sue verdi distese e con i suoi prodotti tipici locali (pecorino, ‘nduja, ecc.). In più, per lo stesso sentiero, è stato proposta l’intitolazione a Fra Carmelo Falduti.

L’umile pastore, per oltre 50 anni, percorse spesso – con maggiore frequenza negli ultimi anni della sua vita (1900-1930), quando alla stazione ferroviaria di Joppolo prendeva il treno per raggiungere i centri più lontani della Calabria – lo stesso sentiero Monte Poro-Joppolo e viceversa. Cammino che, fino circa al 1955, ogni anno, da quando fu costruita la chiesa, percorrevano il 15 luglio, vigilia della festa della Madonna del Carmine, comitive di centinaia di fedeli che arrivavano a Joppolo, in treno da Palmi, Gioia Tauro e da tanti altri paesi della Piana, che si congiungevano ai tanti devoti di Joppolo.

Il sentiero Mare-Monti, reso di nuovo fruibile grazie all’impegno profuso dai giovani del Servizio Civile del Comune di Joppolo e da altri volontari tra cui Sisto Gurzì e Antonello Zoccali, potrà essere percorso dai tanti amanti del trekking o semplicemente della natura. Gli stessi avranno, inoltre, la possibilità di usufruire di una guida gratuite. Gli stessi giovani del servizio civile si renderanno disponibili a fare da Cicerone lungo il percorso naturalistico che dalla imperante scogliera, che caratterizza la battigia joppolese, porta al Santuario della Madonna del Carmelo. Per richiedere tale servizio, dalle 8:00 alle 14:00, dal lunedì al venerdì, basta telefonare al seguente numero: 349.8779040, almeno 24 ore prima della data scelta.

Autore dell'articolo: Ambrogio Scaramozzino

Ambrogio Scaramozzino
Ambrogio Scaramozzino si è laureato in Scienze Politiche, nel 2010, presso l’Università degli Studi di Milano, con una tesi dal titolo: “’Ndrangheta e Pubblica Amministrazione. Lo scioglimento delle amministrazioni locali per mafia: il caso di Lamezia Terme”. Collabora con Informa, gia' direttore direttore responsabile del portale JoppoloInforma.it, è responsabile della pagina di Joppolo sul bimestrale free-press "Informa". Corrispondente e collaboratore storico del Quotidiano del sud dal 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.