Zambrone ricorda re Gioacchino Murat

Tutto pronto per la manifestazione di giorno 13 ottobre; allestita, infatti, la seconda edizione de: “Urrà, urrà, Murat, Murat”. L’evento si svolgerà presso il Centro servizi sociali del capoluogo e avrà inizio alle ore 9.30. L’iniziativa è patrocinata dall’Istituto Comprensivo di Briatico retto dalla dirigente Rosaria Galloro. La manifestazione prevede la presenza della scrittrice Caterina Malfarà Sacchini che presenterà il suo libro dedicato all’eroe francese: “Weekend con il principe”. Previste una serie di proiezioni col supporto di PowerPoint utili a raccontare la storia di re Gioacchino Murat. Voce recitante, quella di Gianni Colarusso che leggerà: l’atto istitutivo del Comune di Zambrone, firmato proprio da re Gioacchino Murat il 4 maggio 1811, l’ultima lettera del re francese scritta alla moglie il 13 ottobre 1815 e una poesia scritta da una scrittrice pugliese, Concetta Antonelli. Il tutto sarà intervallato dalle musiche eseguite dall’Orchestra della scuola secondaria di primo grado di Zambrone che intoneranno sia l’Inno di Mameli che la Marsigliese. Alla preparazione della manifestazione hanno collaborato sia i giovani prestatori del Servizio Civile di Zambrone, sia la Biblioteca Comunale “Domenico Zappone”. La figura del governante venuto dalla Francia rimane di grande attualità e fascino. La forza riformatrice, le intuizioni, i moti perpetui rivolti verso la libertà, la capacità anticipatrice dei tempi restano tra le sue migliori virtù. Il Comune di Zambrone, memore della concessa autonomia municipale, ha avviato un’attività di recupero di questa figura storica. Il 14 ottobre 2016, infatti, venne conferita la cittadinanza onoraria alla memoria di re Gioacchino Murat. E, per proseguire lungo tale scia, sono già state avviate le procedure di gemellaggio con un altro Comune murattiano che sarà ufficializzato nel corso della manifestazione.

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
www.periodicoinforma.it - supplemento online al periodico bimestrale Informa (Autorizzazione del Tribunale di Vibo Valentia n. 1/18 del 20/02/2018 e ISSN 2420-8280). Contattaci scrivendo a redazione@periodicoinforma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.